Home Senza categoria Casoria. Il 28 ottobre in Galleria Marconi, secondo evento in ricordo di...

Casoria. Il 28 ottobre in Galleria Marconi, secondo evento in ricordo di Padre Ludovico.

190
0

6 pagina fra michele giulianoProsegue la rassegna di eventi organizzata dal Giornale di Casoria in vista della canonizzazione di Padre Ludovico del 23 Novembre. Tutti sono lietamente esortati a partecipare, il giorno 28 ottobre, in Galleria Marconi. Alle ore 19, la serata si aprirà con una Celebrazione Eucaristica all’interno della “Casa di Fiore” officiata da Padre Michele Giuliano, o.f.m., e con la venerazione della Reliquia del Beato. Padre Michele, direttore spirituale dell’associazione della Medaglia Miracolosa della Basilica di Sant’Antonio ad Afragola, al termine della Santa Messa incontrerà i lavoratori del Centro della Galleria Marconi per divulgare e annunciare il messaggio di dedizione ed altruismo di Padre Ludovico. Alle ore 20, ancora, la ASD “Visione Danza”,  con uno spettacolo di danza moderna, darà corpo ai momenti sublimi della vita del Beato Ludovico. Note, danza e fede si stringeranno in “La gioia prende forma”. Lo spettacolo, nato dal genio di Francesco Visone e diretto da Melania Visone,  racconterà il calore e la passione del Padre, uomo fra tanti, ordinario in semplicità, straordinario in candore. Un uomo che si è elevato con l’ azione, che ha consentito a tutti coloro che si sono conformati al suo verbo e al suo esempio di avvicinarsi a Dio. Lo scopo precipuo degli eventi è l’ invito a meditare. Riflettere, immedesimarsi, non è faticoso se consentiamo alle emozioni di vivere, di liberarsi. Ed è grazie all’ empatia con ciò che è stato Ludovico che ci potremo sentire tutti un po’ Santi, perché la Santità non è altro che concreta misericordia e alto rispetto della dignità dell’ uomo.

Articolo precedenteCorrado Chiariello, vicesindaco della città di Sant’Antimo: “Abbiamo ottenuto circa €.2.700.000,00 per l’edilizia scolastica”
Articolo successivoAfragolese – Nola. La partita della vergogna. Scontri allo stadio.
Giovane redattrice e membro della Croce Rossa Italiana. Appassionata di lettura, teatro e jazz, nel corso dei miei studi universitari alla Facoltà di Giurisprudenza ho, altresì, maturato uno specifico interesse per il tema dei diritti umani. Scrivo con lo sguardo rivolto, sempre, allo scenario internazionale. Legata alla figura autorevole di Oriana Fallaci, sprone ed esempio di coraggio, ho abbracciato un suo pensiero: “Se sono brava non lo so, lavoro duro, lavoro bene. Ho dignità. Ho una vita per dimostrarlo”.