Sembra non interessare alle istituzioni comunali il totale stato di abbandono in cui versano alcune zone del quartiere “Castagna”. E’ ormai da molto tempo che in Via Mauro Calvanese e Via Renato Carosone non vengono effettuate operazioni di diserbo di aiuole e marciapiedi. A causa di tale mancanza si assiste a un indecoroso spettacolo, indegno di una città che si professa civile ed al passo coi tempi. Erbacce che raggiungono l’altezza record di 50 cm, le quali hanno ormai hanno completamente invaso i marciapiedi urbani, martoriati da buche e vegetazione che ne hanno reso impraticabile l’utilizzo. A pagarne le spese sono soprattutto anziani e diversamente abili, costretti a camminare lungo il perimetro della carreggiata data l’impossibilità di usufruire dei marciapiedi.
Se ciò non bastasse, la carenza di manutenzione del verde pubblico ha causato un pericoloso incremento di imenotteri nelle suddette zone, probabilmente moltiplicatisi a causa dell’alta presenza di sporcizia e vegetazione incolta, creando un habitat ideale per insetti e roditori.
È tempo che chi di dovere intervenga per ridare lustro ad un quartiere tra i più residenziali della città di Casoria, oramai completamente dimenticato dalle numerose amministrazioni comunali che si sono succedute in questi anni.
È risaputo che le casse del comune siano in conclamato stato di bancarotta, ma ciò non giustifica la politica casoriana a trascurare le zone periferiche a vantaggio di quelle centrali, creando in questo caso una disparità di trattamento che da troppo tempo sono costretti a subire i residenti del quartiere “Castagna”.
La cittadinanza chiede un segnale chiaro da parte dell’amministrazione civica, una risoluzione definitiva a questo annoso problema, in modo che la questione delle aiuole invadenti non si ripeta ciclicamente ogni 2 mesi. La riparazione delle buche sull’asfalto di Via Calvanese e Via Carosone sarebbe sicuramente un primo passo estremamente gradito dalla popolazione residente del sobborgo, che non ne può più di questo spettacolo ai confini della decenza.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •