Home Cultura Casoria in… Cultura! “Donne senza volto”

Casoria in… Cultura! “Donne senza volto”

196
0

donne senza volto_casoriaAccanto alla Casoria del degrado, c’è l’altra Casoria, quella delle persone che da sempre, con onestà intellettuale e senza clamore, fanno cultura. Nell’elegante cornice, infatti, dell’auditorium  della Parrocchia di San Paolo a Casoria,  il 6 maggio è stato presentato il libro della Prof.ssa Giulia Campece “Donne senza volto”, ed. Sophia.  Racconti in cui l’autrice narra a tutto tondo Sisetta, Santina, Leonora, Paola, Luisella, Chiarina, Mariagrazia, donne schiacciate dal macigno di atavici pregiudizi; donne prive di  riconoscimento e valorizzazione della loro soggettività, delle loro attitudini, dei loro sogni, dei loro bisogni; donne che quando provano a ribellarsi contro le barriere socioculturali non fanno altro che peggiorare la situazione, per cui, se non vogliono perdersi nel mare magnum della vita, devono ancorarsi ai loro doveri e accettare lo svolgersi della storia. Queste donne hanno trovato nella nostra autrice un angelo vendicatore, che denuncia gli abusi e i soprusi e rende giustizia alle loro sofferenze di vittime innocenti della società.
Dopo il benvenuto del parroco Don Nunzio D’Elia, padrone di casa, uomo di cuore e di cultura,  hanno deliziato un parterre gremito di cultori della buona lettura, la Prof.ssa Vittoria Caso, Presidente dell’Associazione “Clarae Musae”, autrice di una ricca e interessante prefazione e principale relatrice; la preside prof.ssa Rosalia Marino, Presidente dell’Associazione “Padre Ludovico da Casoria  nel segno e nel sogno di Pina” e Nunziante Rusciano, storico locale, Presidente dell’Associazione “Mente Sugge Sostanza”, che, con sentiti interventi, hanno contribuito a trasmettere  il senso profondo delle vicende narrate dall’autrice, delineando il diritto alla dignità e al rispetto delle donne nella loro specificità di genere.  Le 3 associazioni hanno collaborato alla riuscita dell’evento, corroborato da letture di brani significativi, curate dalla compagnia teatrale “Arcipunto 99” – Grumo Nevano con i dott. Alfredo Lombardi, Mariagrazia Reccia e Francesca Dicè.
Presente l’artista Nina Esposito che ha esposto le tavole disegnate appositamente per illustrare le eroine dei racconti.
“La canzone di Marinella”, Quello che le donne non dicono” e “Gli uomini non cambiano” , tre splendide canzoni in tema con la serata, sono state interpretate dalla bravissima e giovanissima artista Antonietta Ranieri .
Moderatore dell’incontro, il bravissimo e giovane poeta Daniele Capuozzo. L’accoglienza è stata curata dalle allieve dell’IIS “Torrente” mentre “Le Aquile”, protezione civile, hanno controllato che tutto si svolgesse senza problemi.
Un momento culturale, dunque, di grande efficacia, apertosi con un filmato introduttivo e conclusosi con le acute riflessioni della prof.ssa Giulia Campece, autrice del libro, che, già alla seconda ristampa, è stato ripresentato domenica 8, presso la Feltrinelli di Pomigliano dalla prof.ssa Vittoria Caso.

Articolo precedenteCasoria. Per l’orchestra dell’I.C. Carducci-King primo premio al Concorso Internazionale Sant’Alfonso Maria De Liguori
Articolo successivoArriva il campo estivo 2016 alla Casa di Fiore: l’isola che non c’era, ed ora c’e!
Redazione Il Giornale di Casoria - Il portale di informazione dell'area a Nord di Napoli