Casoria terra di nessuno. Sempre più numerose le segnalazioni dei cittadini che lamentano continui scippi, ruberie, aggressioni, violenze con conseguente timore di circolare in città, soprattutto a piedi, dopo il crepuscolo.

Le lamentele che giungono attraverso i social aumentano di ora in ora e se prima si parlava soltanto di piccoli furti da parte di persone “con barba e motorino” di recente anche di violente aggressioni e minacce.

In ultimo una ragazza è scampata a una violenza fisica proprio mentre si trovava nell’androne del suo palazzo rientrando di notte.

I casoriani vogliono sicurezza: la paura dilaga, nessuno si sente al sicuro, manca sorveglianza, mancano telecamere e, in tanti contestano anche, la totale assenza delle forze dell’ordine e della polizia di sera.

Una terra affamata di giustizia, questa è diventata ormai Casoria: un luogo dove nessuno si sente più protetto e dove il timore e l’indifferenza regnano sovrani.

Solo nel week end si registrano troppe violenze sempre ai danni di ragazzi alcuni anche minorenni: qualcuno è finito addirittura al pronto soccorso, così come segnalato sui gruppi facebook, dato che l’aggressore lo ha preso per il collo fino a quasi strozzarlo.

I malviventi minacciano di avere “coltello e pistola” costringendo la povera vittima a soccombere alle minacce; prevista per i prossimi giorni una manifestazione in città per chiedere la presenza massiccia di chi di dovere.

I casoriani accusano il sindaco e  il mondo politico in generale; il centro e la megafrazione Arpinese sono “sotto tiro” ormai da tempo e pare che “niente” si stia facendo per impedire la triste situazione.

Dal canto suo la consigliera Elena Vignati evidenzia il pesante “quadro” tramite i social, denunciando carenze e,come al solito, assenze  . Ecco cosa scrive la la pentastellata:

Casoria Terra di nessuno.

Ogni giorno e ogni ora , ci arrivano notizie di reati quali rapine ai danni dei cittadini anche con percosse , minacce , colpi di arma di fuoco anche a salve , solo per spaventare e commettere indisturbati un reato . La situazione è diventata insostenibile , noi come Movimento chiedemmo di istituire un tavolo permanente con la prefettura , prolungare nei fine settimana l’orario di servizio dei vigili urbani e più presenza in generale delle forze dell’ordine , cosa che per un breve periodo è stata fatta , poi il nulla , peggio di prima .

A breve faremo partire una petizione da indirizzare agli organi competenti , tra i quali il Questore di Napoli , il Prefetto e il Sindaco di Casoria , il quale preso atto della gravità dei fatti, dovrebbe essendo la massima autorità di pubblica sicurezza nella nostra città , chiedere assolutamente la convocazione del comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza .

I cittadini di Casoria meritano risposte dagli organi competenti e data la situazione , riteniamo che nessuno debba minimizzare o spegnere legittime polemiche da parte della cittadinanza che si sente abbandonata , solo per interesse politico !

Condividi su
  • 134
  •  
  •  
  •  
  •