Non c’è pace per i cittadini di Casoria, ormai costretti a fare i conti con strade al limite della praticabilità e voragini improvvise.

Stavolta è toccato ai residenti di Via Verdi, frazione Arpino, subire i disagi di un’improvvisa voragine che, ancora una volta, e con inquietanti similitudini con ciò che era accaduto in estate in Largo San Mauro, ha inghiottito un automezzo.

L’enorme buca si è aperta nel pomeriggio, sotto le ruote di un mezzo di una ditta che svolgeva lavori di cablaggio nella zona, per conto di una compagnia telefonica in una traversa della strada principale; non si registrano per fortuna danni alle persone.

I Vigili del Fuoco, prontamente intervenuti, si sono attivati per mettere l’area in sicurezza e per fare una prima stima dei danni, mentre la Polizia Municipale ha interdetto la strada al transito di veicoli e pedoni.

La situazione, ad ogni modo, si presenta meno grave di quella che ha interessato in estate il centro storico casoriano, e non è escluso che il mezzo possa essere estratto non appena sarà stata interrotta la fornitura di gas nella zona, mentre l’approvvigionamento idrico, momentaneamente sospeso, sarà riattivato appena possibile.

Dalle prime indiscrezioni, sembra che il problema non sia dovuto ai lavori in corso ma probabilmente ad una perdita idrica dell’impianto fognario, forse aggravato dalle recenti piogge; pare, inoltre, che la strada già presentasse notevoli avvallamenti e ciò ripropone gli interrogativi circa la sicurezza di un territorio che, puntualmente, con l’arrivo del maltempo, presenta il conto per l’annosa assenza c di prevenzione e per la mancanza di intermenti manutentivi e strutturali.

Nell’attesa che la situazione di Via Verdi torni al più presto alla normalità, non ci si può esimere dall’offrire l’ennesimo interrogativo sul futuro di un territorio i cui cittadini, prima esasperati dalle pessime condizioni delle strade, adesso iniziano a temere seriamente per la propria incolumità.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •