Home Emergenza COVID-19 CASORIA: AIUTI ECONOMICI. ASSEGNATI 724.287,24. EURO

CASORIA: AIUTI ECONOMICI. ASSEGNATI 724.287,24. EURO

427
0

Per fronteggiare la situazione di difficoltà generata dall’emergenza Covid-19 si erano nei giorni scorsi annunciate nuove misure economiche,
Nel Dpcm il governo dispone il trasferimento di 4,3 miliardi di euro ai Comuni e a questa somma aggiunge altri 400 milioni vincolati, ossia destinati esclusivamente ad aiutare quei cittadini che in questi giorni di emergenza “non hanno soldi per fare la spesa”.
Il Dpcm verrà trasmesso alla Corte dei conti e poi pubblicato in Gazzetta ufficiale.
Il ministero dell’interno tramite il fondo di solidarietà nazionale procederà all’erogazione immediata dell’anticipo del 66% ai Comuni, pari a 4,3 mld in anticipo rispetto alla scadenza ultima prevista per maggio.
Con una ordinanza della protezione civile “tale somma sarà incrementata con una anticipazione, a valere sulle risorse del secondo acconto del FSC”, pari a 400 milioni “da destinare a misure urgenti di solidarietà alimentare per consentire alle persone in stato di bisogno di soddisfare i bisogni più urgenti ed essenziali, reintegrando il Fondo in sede di emanando nuovo decreto legge”.
Così il Ministero dell’Interno, entro il 31 marzo 2020 in via di anticipazione nelle more del successivo reintegro, dispone il pagamento di un importo pari a 400.000.000 euro, di cui 386.945.839,14 euro in favore dei comuni appartenenti alle Regioni a Statuto Ordinario, alla Regione Sicilia e alla Regione Sardegna, e 13.054.160,86 euro in favore delle Regioni Friuli Venezia Giulia e Valle d’Aosta e delle Province Autonome di Trento e di Bolzano.
I criteri di assegnazione delle risorse principali terranno conto anche del minor reddito pro capite e della dimensione del paese
Le risorse sono ripartite ai comuni secondo i seguenti criteri:
– una quota pari al 80% del totale, per complessivi 320 milioni di euro, è ripartita in proporzione alla popolazione residente di ciascun comune;
– una quota pari al restante 20%, per complessivi 80 milioni di euro, è ripartita in base alla distanza tra il valore del reddito pro capite di ciascun comune e il valore medio nazionale, ponderata per la rispettiva popolazione. I valori reddituali comunali sono quelli relativi all’anno d’imposta 2017, pubblicati dal Dipartimento delle Finanze del Ministero dell’Economia e delle Finanze.
Ciascun comune è autorizzato all’acquisizione, in deroga al decreto legislativo 18 aprile 2016, n.50:
– di buoni spesa utilizzabili per l’acquisto di generi alimentari presso gli esercizi commerciali contenuti nell’elenco pubblicato da ciascun comune nel proprio sito istituzionale;
– di generi alimentari o prodotti di prima necessità.
L’Ufficio dei Servizi Sociali di ciascun Comune individua la platea dei beneficiari ed il relativo contributo tra i nuclei familiari più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus Covid-19 e tra quelli in stato di bisogno, per soddisfare le necessità più urgenti ed essenziali con priorità per quelli non già assegnatari di sostegno pubblico.
Con successivi provvedimenti, infine, si potrà provvedere ad ulteriori assegnazioni.
A Casoria, come si vede nella lista completa allegata, saranno assegnati € 724.287,24.
Una gara di solidarietà che darà un po’ di respiro al nostro Comune ed alle tante famiglie in difficoltà.

Articolo precedenteRiceviamo e pubblichiamo. La Prevenzione ci salva la vita
Articolo successivoLa Pandemia sveglierà le coscienze?
Ci sono due cose durature che possiamo lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali (cit.). Fondiamo le prime con l'educazione ed il senso civico , mentre le ali, la speranza di un futuro migliore, si conferiscono con il buon esempio di chi in prima persona si batte per ciò in cui crede. partendo da studi classici ritengo che la scrittura sia un ottimo strumento per farlo.