Home Cronaca & Attualità Casoria, accende la gratella con l’alcool etilico: il deejay Filippo Marzatico muore carbonizzato...

Casoria, accende la gratella con l’alcool etilico: il deejay Filippo Marzatico muore carbonizzato a vent’anni

127
0

Un’immane tragedia ha scosso nelle ultime ore la comunità casoriana: Filippo Marzatico, un giovanissimo disc jockey conosciuto con lo pseudonimo di Filip Master, è venuto a mancare a seguito delle ustioni riportate in un drammatico incidente domestico verificatosi lo scorso giovedì pomeriggio preso la sua dimora. Secondo quanto diramato dal Comando dei Carabinieri di Casoria, il deejay, intenzionato ad alimentatore il barbecue con dell’alcool etilico, è stato violentemente investito dalla fiammata di ritorno della gratella, riportando numerose striniature su tutto il corpo che hanno reso necessario un ricovero d’urgenza. Condotto rapidamente al nosocomio comunale di Frattamaggiore in condizioni critiche ma non in pericolo di vita, il ventenne è stato in seguito trasportato celermente all’Ospedale Cardarelli a causa di un complicazioni cliniche sopraggiunte, spirando però nel tragitto in ambulanza. Una disgrazia che ha scosso con forza l’intera città e, in particolare, il quartiere Castagna, dove il deejay abitava con la famiglia ed era molto conosciuto tra gli abitanti, che da due giorni ne piangono la prematura scomparsa. Sgomento e strazio sono state assolute protagoniste ieri mattina alla cerimonia funebre, svoltasi nella Parrocchia di San Giustino de Jacobis alla presenza di familiari e amici, che hanno partecipato in massa all’ultimo saluto del loro caro, scomparso troppo presto a causa di un’atroce fatalità. 

Articolo precedenteFeste e celebrazioni in onore di San Benedetto
Articolo successivoA Sulmona la febbre aumenta per l’XXVI edizione della Giostra Cavalleresca Storica
Non penso che tutti i rapporti dei servizi segreti siano scottanti. Alcuni giorni apprendo di più dal New York Times (cit.). Se esiste il diritto di cronaca esisterà anche quello di raccontare, perché un buon giornalista non è quello che scrive, ma quello che parla tacendo.