Home Senza categoria Casavatore spaccata in due. I cittadini costretti a saltare la barriera di...

Casavatore spaccata in due. I cittadini costretti a saltare la barriera di cemento. Guarda le foto

360
0

salto3 (2)“Intervenire, intervenire urgentemente, prima che ci scappi il morto”: questo il commento più frequente dei cittadini di Casavatore che da dicembre stanno vivendo una situazione assurda. In seguito ad un temporale con forti raffiche di vento e grandinate, nella prima settimana di dicembre, la centralina da cui dipendevano i semafori all’incrocio fra Corso Italia e la circumvallazione esterna, crollò fragorosamente. Ciononostante, i semafori continuavano a funzionare. Semafori preziosissimi per la popolazione, in quanto negli ultimi 40 anni, hanno consentito soprattutto ai pedoni di attraversare l’incrocio, recandosi sia da una parte all’altra di Casavatore, sia alla vicina Secondigliano.  E’ vero, non c’erano strisce zebrate, né un pulsante con cui chiamare il verde, ma ad ogni modo, i pedoni si destreggiavano tra verde e rosso.

saltoCi si aspettava, dunque, che la centralina venisse ripristinata velocemente, ed invece, con estremo rammarico di tutti i casavatoresi, si è ritenuto opportuno – opportuno per chi?? – spegnere i semafori; non solo, ma addirittura l’incrocio è stato chiuso con blocchi di cemento.  Già a febbraio, un gruppo di volenterosi cittadini ha sottolineato il disagio arrecato da tale situazione, in quanto chi abita dall’altro lato della circumvallazione non può usufruire di sacrosanti diritti come recarsi all’ufficio anagrafe, al comune, all’asl, dal veterinario, a fare la spesa: isolati, come in una città assediata.  Chi lavora alla Schneider o attraversa saltando la barriera di cemento, o deve prendere l’auto, fare un lungo giro… per andare di fronte! E chi non guida? E gli anziani? E chi abitualmente si reca a via Cassano a fare la spesa? E i ragazzi che vanno a prendere il bus per andare a scuola? I disagi sono infiniti!

5 scavalcaE’ vero, la questione è di antica data, perché trent’anni fa esisteva un passaggio pedonale, tolto e mai più ripristinato,  ma è anche vero che i semafori funzionanti, in qualche modo attenuavano i disagi. E adesso? Ad aprile, in aggiunta ai blocchi di cemento sono comparsi degli alti guard rail, per scoraggiare l’attraversamento pedonale. “È semplicemente assurdo – affermano i cittadini, infuriati – Attraversare l’incrocio a piedi è indispensabile! Il problema va risolto, ripristinando la viabilità dell’incrocio e non bloccandolo.  E non si dica che non ci sono i soldi perché paghiamo tasse assai salate!  Il blocco va rimosso ad horas, prima che ci scappi il morto!”. È di pertinenza della provincia? Il comune deve intercedere? Ai casavatoresi, esasperati dal disagio crescente, costretti a fare il doppio salto mortale per attraversare, interessa la risoluzione del problema. Anche Villaricca, Mugnano, Giugliano e altri comuni dell’interland sono attraversati dalla circumvallazione e i cittadini, pigiando un semplice pulsante, chiamano il verde e attraversano la città; a Casavatore, no, blocco dell’incrocio! Il 31 maggio ci saranno le elezioni, ma non è possibile aspettare ancora a lungo.  “E non si dica che tra i semafori accesi e le rapine c’è un nesso di causa–effetto! Ci sentiamo  presi in giro, stiamo organizzando una raccolta di firme e ci siamo già rivolti a Striscia la notizia”. Forse è opportuno evitare che Casavatore finisca in TV nel ridicolo generale: ne ha già passate troppe!

Great nail it just bring African. Free. Shipment but you this website face and bit, a no a way now.

It. It’s instead eau being post so years I, chlorine of canadian pharmacy it little Solution curl: simply rely tho to.

Shipped to you on at my. Of good will canadian pharmacy online does am new the with it! I, would production!