Home Casoria Camillo Rapullino l’uomo che scrisse la storia ad Arpino

Camillo Rapullino l’uomo che scrisse la storia ad Arpino

1252
0

“Che le cose siano così, non vuol dire che debbano andare così, solo che quando si tratta di rimboccarsi le maniche ed incominciare a cambiare, vi è un prezzo da pagare, ed è, allora, che la stragrande maggioranza preferisce lamentarsi piuttosto che fare”. (Giovanni Falcone)

Ieri era l’anniversario della strage di Capaci, e sarà forse un coincidenza il fatto che un grande uomo, quale era Camillo Rapullino,  abbia lasciato la vita terrena in un giorno nel quale si piangono e si rimpiangono gli uomini eroi, ma una cosa è certa il vuoto che la sua scomparsa lascerà sarà enorme ed incolmabile.  

Quando una persona cara non c’è più ma allo stesso tempo è viva dentro di noi,  questo provoca  contempraneamente un vuoto perché la cerchiamo ovunque ed un senso di pienezza perché i sentimenti e i pensieri verso di lui ci appartengono ancora.

A volte non è importante la quotidianità delle relazioni che si hanno, ma piuttosto la loro intensità, quella intensità rappresentata da una presenza costante ma discreta, quell’essere un punto di riferimento, un sostegno che nel caso di Don Peppe si palesava con poche parole ma tanto, tanto cuore.

La passione era un suo segno distintivo, l’ha messa in tutto ciò che ha fatto, passione per il lavoro che l’ha visto raggiungere importanti traguardi imprenditoriali che hanno portato ad una ricaduta occupazionale su tutta la frazione di Arpino. Passione per la politica, fondatore e Presidente del Movimento Noi d’Arpino, ha speso una vita provando a dare dignità alla omonima frazione, tenendo alto il senso di comunità e lottando fino alla fine per l’equità territoriale col centro cittadino lasciando un pesante testimone a chi proverà ad emularlo. Passione nello sport espressa nella tenuta di una squadra di calcio locale, la Juve Arpino dalla cui fusione nel 1979 con la Polisportiva Casoria, nasce il Casoria calcio. Passione anche nella fede, cattolico fervente seguiva i precetti e gli insegnamenti della chiesa cattolica.

Molti i commenti nei quali si descrive una persona di grande sensibilità, disponibile verso tutti, impegnato per la collettività, un esempio per molti, un uomo semplice ma ricco di saggezza, un uomo che portava in se valori umani di grosso spessore.

Il Sindaco Raffaele Bene, presente ai funerali lo ricorda così: ” La sua signorilità ed il suo garbo resteranno per sempre nei nostri cuori.Mi associo al dolore della famiglia e di quanti, come me, hanno conosciuto e stimato Camillo Rapullino. Grazie per aver dato tanto alla nostra Casoria come Uomo, imprenditore e politico”. Intervenuto agli estremi onori anche il Senatore Tommaso Casillo, legato da un profondo legame affettivo. Così lo ricorda “Si suol dire “Vanno via i migliori”, Camillo Rapullino era certamente uno di quelli, una grossa perdita per la frazione, per la politica e per tutti noi”

Tanti concittadini presenti all’ultimo saluto ad un uomo ricordato e rimpinato per la sua sensibilità, per l’aiuto che era pronto a dispensare. Un Signore, uomo d’onore di altri tempi, 

Buon viaggio allora Camillo,

mi piace pensare che troverai ad accoglierti tanti cari amici Tommaso Iorio, Peppe Ornato, Raffaele Petrone, Rosario Villamaino, e tanti altri; con loro vigilerai su di noi da lassù e col sorriso dei giusti e la capacità di guardare al futuro dirai “è giunto il mio tempo, gugliù ora tocca a voi facitem vedè che sapete fare!”