Home Sport Calcio A5: La Trilem Casavatore corsara ad Amalfi.

Calcio A5: La Trilem Casavatore corsara ad Amalfi.

93
0

images (3)All’indomani della vittoria per 8-6 al Palazzatto contro il Futsal Solofra, la Trilem di Casavatore doveva convincere anche fuori casa dove finora non era riuscita mai ad imporsi e a portare a casa l’intera posta in palio. La sesta giornata di campionato prevedeva la trasferta nella costiera amalfitana affrontando la pericolante Ancora Amalfi che ancora aveva 0 punti in classifica; match arbitrato dai sigg Gaetano De Caro di Nocera Inferiore e Liberato Schettino di Castellammare di Stabia. Un match che aveva regalato emozioni a non finire impreziosito da 7 reti, dove la Trilem di Casavatore era riuscita ad ottenere la sua prima vittoria in trasferta vincendo e convincendo per 2-5 inguaiando ulteriormente l’Ancora Amalfi. Protagonista assoluto del match era stato Fardello, autore di una tripletta, a lui si aggiungevano le restanti reti di Palumbo e Spezzalegna. Per la Trilem quindi era la terza vittoria in campionato, la seconda di fila, dopo quella contro il Futsal Solofra. 3 punti che consentivano ad essa di balzare al sesto posto coadiuvato insieme al Cus Caserta che aveva perso fuori casa con lo Scalc1one e sempre a -8 dalla Polisportiva Feldi Eboli che continuava la sua marcia inarrestabile vincendo la sesta di fila seppur soffrendo contro il Real Sant’Erasmo. Ma soprattutto una vittoria che andava a cancellare la clamorosa sciocchezza maturata in coppa contro il Cus Caserta, dove nonostante aveva vinto 14-2, era stata estromessa dalla competizione per aver schierato Mascolo squalificato e perdendo quindi a tavolino. In conclusione la Trilem di Casavatore si ritrovava in campionato a 10 punti, con 3 vittorie, 1 pari e 2 sconfitte e con 27 goal realizzati e 26 subiti; la prossima giornata del torneo vedrà la Trilem di Casavatore impegnata sabato 25 ottobre in un’altra trasferta dove sarà ospite in terra irpina del Real Cesinal Five Soccer con lo scopo di ottenere la terza vittoria di fila.

Articolo precedenteCasoria. Partecipazione e pathos al primo evento in memoria di Padre Ludovico.
Articolo successivoNapoli: due volte in vantaggio, due volte raggiunto. Il solito Callejon non basta!
vive a Casoria, 22 anni, laureando in scienze dell'Amministrazione e dell'Organizzazione nella facoltà di Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Ha sempre amato scrivere per quanto concerne il calcio, scrivendo già per un giornale online e per “il giornale di Casoria” da novembre 2013 a marzo 2014. Il calcio è una passione che coltiva sin da piccolo.