Home Cronaca & Attualità Caivano. La polizia ambientale blocca due camion che stavano scaricando percolato in...

Caivano. La polizia ambientale blocca due camion che stavano scaricando percolato in strada

125
0

percolatoUna nuova denuncia è stata fatta a Caivano, da parte dei vigili urbani contro la ditta veneta Buttol Srl, che si occupa della raccolta rifiuti nell’area a Nord di Napoli. Tutto è accaduto nei pressi di via Gaudiello, non molto distante dall’isola ecologica, dove una pattuglia della polizia ambientale dei vigili urbani ha scoperto due camion della Buttol che stavano travasando dei rifiuti da una parte all’altra della strada, facendo cadere del percolato sulla pavimentazione. Il percolato è una sostanza altamente tossica e produce un odore nauseante, non può e non deve essere travasato, in modo illecito sull’asfalto.  In seguito a diverse segnalazioni da parte dei cittadini che più volte hanno assistito a questa pratica, è stato denunciato l’amministratore delegato della Buttol, che ora è in stato di libertà, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli Nord (ai sensi dell’articolo 256 comma 2 del decreto legislativo 152/2006) con l’accusa di “attività di gestione dei rifiuti non autorizzata”. C’è da ricordare, inoltre, che la stessa vicenda si è presentata per la precedente ditta “Alba Paciello” commissionata alla raccolta rifiuti, ma interdetta dalla prefettura di Caserta perché non in regola con la certificazione antimafia e proprio in questi giorni si dovrebbe pronunciare il Tar sulla vicenda.

Articolo precedente“Assolo” un film che incanta il pubblico.
Articolo successivoNapoli, azienda cerca 1 Addetto Back Office
Sociologa con curriculum socio-antropologico specializzanda in comunicazione pubblica, sociale e politica. Blogger di Respirando Rosa e Fanpage d'autore, video blogger per Diventatester. Collaboratrice free-lance per diverse testate come "Il Roma" e pubblicazioni su Forum Edizioni, ne "La collana dei cattivi". Esperienze in ambito socio-assistenziale, con maggior riferimento all'ambito educativo dei minori a rischio.