Home Cronaca & Attualità Bimbo di 3 anni morto dopo essere stato dimesso dal Santobono.

Bimbo di 3 anni morto dopo essere stato dimesso dal Santobono.

85
0

“Il bambino ha diritto a ricevere il miglior livello di cura e di assistenza”. E’ questo il terzo articolo enunciato dalla Carta dei Diritti del bambino in ospedale promulgata dall’Aopi (Associazione Ospedali Pediatrici Italiani).

Non sempre, tuttavia, tale diritto viene rispettato e a pagarne le conseguenze sono in questo caso i più piccoli.

Un bambino di tre anni è giunto ieri, 29 dicembre, alle ore 7, al pronto soccorso del Santobono di Napoli in arresto cardiaco, le procedure rianimatorie si sono rivelate inutili: il bambino è morto alle 7.43.

Il piccolo di Ercolano era giunto la sera prima al pronto soccorso, lamentando dolori addominali, febbre e diarrea e classificato come “codice verde” . Dopo aver riscontrato segni di infiammazione delle vie aeree, dolori addominali e diarrea, il bambino non riscontrava temperatura febbrile al momento dell’osservazione ed è stato dimesso.

Una nota diffusa dall’ospedale pediatrico spiega: “Dopo la visita integrata da un esame ecografico, il quadro clinico è stato ritenuto, in conformità alle linee guida ordinariamente seguite, non bisognoso di ricovero e il piccolo è stato rinviato al domicilio, con prescrizione di farmaci e richiesta di controllo presso il curante dopo 24 ore”.

Il bambino però non ha avuto la possibilità di aspettarle quelle “24 ore”: è deceduto la mattina successiva, dopo un’inutile corsa in ospedale da parte del 118, per arresto cardiaco.

Come riportato dalla nota, prima dell’intervento delle Autorità, i Sanitari dell’ospedale pediatrico hanno fatto richiesta di un riscontro diagnostico autoptico e la Direzione Aziendale ha affidato ad una commissione costituita dal Direttore Medico del Presidio, dal Responsabile del Rischio Clinico e dal Prof. Paolo di Lorenzo, Medico Legale dell’Università Federico II, l’incarico di verificare e riferire sull’accaduto.

Il Santobono ha ricordato che: “Dall’inizio del 2017 circa 100.000 bambini sono stati accolti dal Pronto soccorso del Santobono, un reparto che per numero di casi e appropriatezza dei trattamenti, è considerato un’eccellenza in Italia”.

Dopo il drammatico epilogo, la Direzione dell’Azienda ha porto alla famiglia le più sentite condoglianze, fiduciosa nell’azione delle Autorità competenti e della professionalità ed abnegazione dei propri sanitari.

Articolo precedenteRiceviamo e pubblichiamo: comunicato stampa polizia locale Sant’Antimo, sui rischi legati ai botti di capodanno
Articolo successivoSenza “fissa dimora” le famiglie rom dell’Auditorium di Scampia.
23 anni, laureata in Lettere Moderne presso l’Università degli studi di Napoli Federico II. Ha intrapreso la carriera universitaria con tenacia e determinazione per realizzare i suoi sogni: diventare giornalista e insegnare. Da sempre appassionata di letteratura ama scrivere e leggere classici, ha già scritto per due giornali e crede che, come sosteneva Giovanni Falcone, “chi tace e chi piega la testa muore ogni volta che lo fa, chi parla e chi cammina a testa alta muore una volta sola”.