Home Politica Bagnoli: continuano le cabine di regia. Entro il 30 marzo Invitalia presenterà...

Bagnoli: continuano le cabine di regia. Entro il 30 marzo Invitalia presenterà il progetto di bonifica.

286
0

cantiereLa questione Bagnoli è tornata stabilmente ad occupare uno spazio importante nell’agenda politica delle istituzioni locali e del Governo. Lo scorso 13 gennaio si è, infatti, svolta a Napoli, presso la sede della Prefettura, la cabina di regia per Bagnoli, al fine di raccogliere proposte e suggerimenti di associazioni e forze produttive della città. A presiedere i lavori è stato il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, con la presenza del Commissario Straordinario del Governo per Bagnoli Salvo Nastasi, il Segretario generale di Palazzo Chigi, Paolo Aquilanti e l’Amministratore Delegato di Invitalia – il soggetto attuatore del progetto Bagnoli – Domenico Arcuri. Il grande assente è stato, tuttavia, il sindaco della città di Napoli, Luigi de Magistris che ha fatto sapere – attraverso una nota inviata al presidente della Cabina di regia su Bagnoli, il sottosegretario Claudio De Vincenti – che l’Amministrazione comunale non parteciperà alle prossime sedute della Cabina. Va ricordato, infatti, che in relazione all’operatività della cabina di regia pende ancora il ricorso al Tar presentato proprio dalla giunta de Magistris.
Il tavolo – durato oltre cinque ore – è comunque stata l’occasione per ascoltare tutti i soggetti coinvolti nella bonifica e nella riconversione dell’area industriale ex Italsider, nello specifico le istituzioni, gli imprenditori, i sindacati, le associazioni territoriali e i comitati dei cittadini. Hanno preso parte alla riunione anche i rappresentanti della Municipalità 10 Bagnoli-Fuorigrotta, quelli del Comune di Pozzuoli, della Soprintendenza belle arti e paesaggio per il Comune e la Provincia di Napoli, dell’Università degli Studi Federico II, dell’Unione Industriali Napoli, di Legambiente, della Fondazione IDIS Città della Scienza, di Italia Nostra.
Ancora il 20 gennaio vi sarà la prossima cabina di regia per la bonifica e il rilancio di Bagnoli, questa volta però si svolgerà a Roma, mentre è fissato al 30 marzo 2016 il termine entro il quale il soggetto attuatore (Invitalia) dovrà presentare in dettaglio il programma di interventi su Bagnoli. Non è ancora chiaro come si pensa di intervenire per le annose questioni relative alle bonifiche e alla colmata. Quest’ultima dovrà essere obbligatoriamente rimossa, stante quanto previsto e stabilito dalla legge. Tuttavia, una nuova legge – come già è stato affermato nella riunione del 13 gennaio –  potrebbe garantire la possibilità di mantenerla. Un’opzione che però dipende fortemente dai risultati dei rilievi tecnici e scientifici, gli unici in grado di verificare l’impatto dell’inquinamento sul territorio e sulla cittadinanza. È sicuramente, al momento, la questione più importante da risolvere: il premier Renzi, infatti, ha già annunciato con estrema certezza – attraverso il suo profilo Twitter –  che “Già dall’estate 2016 restituiremo pezzi di spiaggia ai cittadini #lavoltabuona”.