1912219_778637075541650_4512511499876137135_n-451x264Oscar Paolozzi alias Oscar Di Maio, meglio noto a tutti come “o’ cafone”, sarà il nuovo direttore artistico del teatro Eduardo De Filippo di Arzano, il vecchio teatro “Le Maschere”. Si tratta di un riconoscimento alquanto prestigioso per Oscar Di Maio, che dopo tanta gavetta in teatro e in tv a Telecapri e Canale34, riesce ad ottenere un premio non da poco, grazie al suo spiccato sarcasmo mostrato sia in radio che in televisione con spettacoli di cabaret. Oscar Di Maio ha fatto tesoro delle sue origini familiari, nel quale la madre era un’attrice teatrale, Maria Di Maio (come del resto anche i suoi zii materni Gaetano ed Olimpia Di Maio), ereditando infatti il suo cognome come pseudonimo per acquistare con rapidità fama e notorietà. Il Teatro Sannazaro, situato a via Chiaia a Napoli, ha lanciato a tutti gli effetti Oscar Di Maio, dove crescendo ha collaborato con attori partenopei del calibro di: Carlo Taranto, Nino Taranto ed Enzo Cannavale. Ma durante la sua carriera ha avuto modo anche di duettare con altri grandi attori come Nino Manfredi e Leo Gullotta. “O’ cafone” il top l’ha raggiunto con la comica trasmissione Telecafone andata in onda ad inizio del 2000 su Telecapri, riuscendo a riscuotere un discreto successo nonostante lo scetticismo iniziale, in cui si vociferava che fosse un po’ volgare. Oscar Di Maio è apparso alquanto entusiasta e commosso dell’onere che gli è stato attribuito, ecco come ha reagito alla notizia: “E’ il coronamento di un sogno! Ogni attore cerca una sua sistemazione senza tener conto degli altri, decidendo in proprio. Questa è un’occasione da sfruttare e io ci metterò tutto il mio entusiasmo e il mio impegno. Essere attore è ciò che sognavo sempre sin da bambino, diventarlo poi è qualcosa di grandioso; certamente ho ottenuto il massimo rispetto a ciò che mi aspettavo, sorprendendomi stesso io”.

Condividi su
  • 126
  •  
  •  
  •  
  •