Home Libri & Poesie Arcangelo Paone

Arcangelo Paone

545
0

È stato recentemente pubblicato e presentato il libro “Don Arcangelo Paone testimone di speranza”,  composto da Carmine Caponetto e Giuseppe Pesce con la collaborazione di Ludovico Silvestri, dedicato al ricordo, a venticinque anni dalla sua scomparsa, di un sacerdote che ha segnato la vita sociale e religiosa della città dagli anni Settanta fino alla morte avvenuta nel 1995. Nacque nel 1927, terzo di nove figli e nel 1951 fu ordinato sacerdote. Nel 1969 gli viene affidato l’ incarico di parroco del nascente quartiere San Paolo, in pieno boom edilizio per la città di Casoria. Don Arcangelo apparteneva ad una delle famiglie storiche della città. Era nipote di un sacerdote suo omonimo che fu parroco per quasi mezzo secolo della principale chiesa cittadina, quella di San Mauro. Suo padre Raimondo è stato sindaco della città quasi ininterrottamente dal dopoguerra fino agli anni Sessanta e la carica è stata ricoperta anche da suo fratello Francesco, mentre un altro suo fratello, Giovanni e suo nipote Pietro hanno ricoperto negli anni successivi le cariche di consigliere comunale ed assessore. È stato per la città in generale e per il quartiere in particolare un importante riferimento sia religioso che sociale. Il suo esempio sacerdotale ha ispirato tante vocazioni ed ha offerto alla chiesa cittadina diversi sacerdoti che oggi, sulle sue orme, continuano il loro impegno religioso e tra questi anche il coautore del libro, Carmine Caponetto, che riconosce all’ esempio di don Arcangelo il motivo della sua scelta di diventare sacerdote e ne ricorda la grande vitalità ed il suo costante impegno in favore dei giovani. Si è fortemente impegnato per la costruzione della nuova chiesa, di cui purtroppo per la prematura scomparsa non ha visto l’ ultimazione dei lavori della sua costruzione. Nel libro tanti sono anche i ricordi di vescovi, sacerdoti, suore e parrocchiani che lo citano con affetto e devozione, tra cui i suoi successori parroci Nunzio D’ Elia e l’ attuale Giuseppe De Vincentiis, per i quali è stato ed è un fondamentale riferimento.

Articolo precedenteRiceviamo e pubblichiamo. Massimo Iodice: “Finalmente possiamo pensare solo a lavorare per la città”
Articolo successivoSindaco Bene sulla presentazione del PUC: “Soddisfatti del lavoro svolto. In un paio d’anni cambierà il volto di Casoria”
Studentessa di psicologia presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II", con la passione per la lettura e la scrittura. Amante dei viaggi con un'insaziabile curiosità di conoscere tutto ciò che vale la pena conoscere. Già redattrice per il sito Fonte ufficiale.