Foto: SSC NAPOLI SITO UFFICIALE

La quinta vittoria in sei gare di campionato regala al Napoli il sesto posto in attesa dei recuperi di metà Maggio, dovuti alla crisi Coronavirus. Piegato anche il Torino per 2-1 dopo una partita giocata bene e con poca sofferenza se non nel recupero quando il Toro ha accorciato con Edera. A parte il passo falso interno con il Lecce il Napoli è in serie positiva da 8 partite con 7 vittorie di cui due in coppa Italia e il pareggio interno con il Barcellona. Gattuso cambia 4 giocatori rispetto alla partita di Champions, considerando l’impegno di Giovedì contro l’Inter, mandando in campo Lobotka, Politano, Milik e Hysaj.

Il Torino parte forte provando a sorprendere gli azzurri e Manolas è costretto a salvare su Lukic. De Silvestri ha la palla del vantaggio ma ancora Manolas salva sulla linea. Dopo la sfuriata del Toro e il rischio corso, il Napoli ha iniziato a giocare e si è sistemato con costanza nella metà campo granata. Al 19’ gol del vantaggio: punizione di Insigne e incornata di Manolas, che completa il suo ottimo avvio.

Insigne potrebbe chiuderla dopo 5 minuti quando Ansaldi sbaglia un retro passaggio mettendo il napoletano davanti a Sirigu, ma la palla colpita male esce. Prima dello scadere Milik colpisce la traversa di testa, l’arbitro fischia e squadre nello spogliatoio.

La ripresa vede il Torino più aggressivo ma carente di lucidità e il Napoli approfitta degli errori ottenendo il raddoppio all’82’ quando il neo-entrato Mertens pennella un cross per Di Lorenzo che in spaccata chiude il match. A quel punto Longo mette dentro Verdi ed Edera e riesce ad accorciare proprio con il giovane ex primavera.

Il Napoli porta in porto un’altra fondamentale vittoria per la rimonta che procede nel migliore dei modi. Giovedì altra battaglia per ottenere il pass per la finale di Coppa Italia, per come si era messa tre mesi fa, sarebbe un traguardo importante che darebbe morale per tutto il prosieguo della stagione che con Gattuso sembra aver preso la strada giusta.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •