5-1 All’Empoli di Andreazzoli e secondo posto blindato, aspettando la Juventus e l’Inter.

Detta in questi termini potrebbe sembrare la cronaca del solito match dominato nel turno casalingo, ma non è stato così.

Il Napoli, in cui trovano spazio Rog e Diawara al centro, parte forte e già al 9’ passa con uno splendido diagonale di esterno destro di Lorenzo Insigne, il quale conclude in modo degno una cavalcata supersonica di Koulibaly sulla sinistra. Il francese recupera ed imposta un contropiede irresistibile, confermando di essere in un stato di grazia.

Quando al 38’ Mertens raddoppia con un colpo da biliardo dalla distanza, la partita sembra ormai in freezer ma l’Empoli non è d’accordo; i toscani hanno tecnica e corsa e Caputo al 58’ accorcia le distanze, dopo aver beffato i due centrali partenopei. Il diagonale non lascia scampo a Karniezis e la difesa napoletana non è impeccabile ma è tutto il Napoli ad accusare il colpo.

L’Empoli attacca con tanti uomini e tra le linee trova sempre la combinazione giusta per liberare l’uomo e poco dopo è il turo Ucan, autore di una buona prova, a colpire l’esterno.

Ancelotti intuisce il momento di difficoltà e corre ai ripari: fuori Ruiz e Rog e dentro Callejon e Allan.

Tanto basta per spaventare l’Empoli; i cambi hanno un impatto devastante e basta poco per riprendere il pallino del gioco.

Giusto il tempo di guadagnare qualche metro e il folletto belga inventa un’altra perla: lob a scavalcare Provedel ed è 3-1.

Il resto è ordinaria amministrazione, ma c’è spazio per la il goal di Milik e la tripletta di “Ciro”.

Onore alla squadra di Andreazzoli che esprime un bel calcio, coraggioso e propositivo mentre i partenopei hanno ottenuto il massimo risultato col minimo sforzo.

Non abbiamo visto, dunque, il Napoli ermetico e spietato di Champions ammirato contro il Liverpool ma gli azzurri sono sembrati più che altro con la testa già al Psg.

Ancelotti si conferma il leader calmo che mantiene il sangue freddo e sa leggere la partita, e contro Neymar, Mbappé e Cavani martedì occorreranno queste doti per tentare la storica impresa.

Condividi su
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •