Home Area Nord di Napoli Ambiente e territorio, per la rinascita culturale di Sant’Antimo

Ambiente e territorio, per la rinascita culturale di Sant’Antimo

95
0

10341668_10154984142880624_7278153885720625526_nDomani 12 Dicembre a Sant’Antimo,  presso il Chiostro del Convento del Carmine, in via Cardinale Verde, alle ore 17:30 si terrà Il primo meeting cittadino per l’ambiente. Il programma prevede tre argomenti chiave: “Cosa è successo e cosa succederà nella Terra dei fuochi”;  “I problemi ambientali a Sant’Antimo”; “Quali le possibili soluzioni”. I relatori che ci parleranno di queste tematiche cosi importanti sono: Lucio Righetti, Peppe Italia e Loredana De Rosa. Essi sostengono che l’inquinamento causato dai rifiuti e roghi tossici nelle province di Napoli e Caserta, nella cosiddetta ‘Terra dei fuochi’, non può lasciarci inerti di fronte alle responsabilità da prendere nei confronti delle future generazioni. Giuseppe Italia, consigliere di opposizione, ha aggiunto:“L’evento di domani  segna un ulteriore passo in avanti verso la sensibilizzazione sulle tematiche ambientali del territorio santantimese. Dal Bosco di Capezza all’ex distilleria Palma, dalla cementificazione eccessiva alla bomba ecologica in via Mercalli… bisogna prendere piena coscienza delle problematiche ambientali del nostro territorio ed impegnarsi tutti nella battaglia per la sua tutela. Una Sant’Antimo sana significa una vita migliore”! L’appello è rivolto soprattutto alle famiglie, soggetti “responsabili” da cui dovrebbe diffondersi una nuova ecologia umana nella consapevolezza che occorrono piccoli gesti di civiltà per arginare l’attuale disastro ambientale, sempre più travolgente.

Articolo precedenteV&V Drink Art: inaugura il vernissage della mostra ‘Translate’
Articolo successivoFurlan contro il senatore D’Anna. Piovono gli insulti e anche qualche Forza Vesuvio
Sono di Sant’Antimo cittadina in provincia di Napoli, classe 1984, laureata in Lettere Moderne. Dicono di me che sono una “discreta” curiosa. Già redattore del giornale “Nova Tempora” collaboro per “Il Giornale di Casoria” e “infondonews”.