Home Rubriche Alla Borsa del Turismo sono di scena Altavilla Milicia e Capaci

Alla Borsa del Turismo sono di scena Altavilla Milicia e Capaci

172
0

altavilla miliciaIl Gruppo di Azione Locale Golfo di Castellammare, presieduto da Pietro Puccio, che comprende i comuni siciliani di: Alcamo, Balestrate, Borgetto, Cinisi, Partinico, Terrasini e Trappeto (www.galgolfodicastellammare.it) e l’Associazione Terra Damare, presieduta da Anna Maria Ulisse, ci anticipa presenteranno giovedì 26 alle 11,30 nella Sala Tirreno della Borsa Mediterranea del Turismo, in svolgimento a Napoli alla Mostra D’Oltremare fino al 28 marzo, il piano di sviluppo locale del GAL e il progetto “Country Side Tour – Valorizzazione e Promozione dei Territori Rurali dei Comuni di Altavilla Milicia e Capaci della Provincia di Palermo”. L’obiettivo di Country Side Tour (www.countrysydetour.it) è di promuovere i sentieri rurali ed il patrimonio paesaggistico e naturalistico dei territori al fine di inserire nella mappa turistica regionale Altavilla Milicia e Capaci, due località fino ad ora poco conosciute sotto l’aspetto turistico ma di grande interesse culturale, paesaggistico, religioso ed artistico al fine di allungare la stagione turistica e creare posti di lavoro. Sono questi tra gli interventi finanziati dalla Regione Sicilia attraverso i fondi europei, finalizzati alla valorizzazione del turismo rurale e alla valorizzazione delle produzioni tipiche locali. Per Luigi Amato, consigliere del GAL Golfo di Castellammare, queste due località, che sono rimaste fuori dal GAL e dal programma “Leader”, hanno tutte le carte in regola per presentarsi ad una clientela esigente amante del mare, dei prodotti enogastronomici locali e della pesca, grazie ad una storia comune che le vede entrambe nel Seicento feudi della famiglia bolognese Beccadelli. Da non dimenticare che Capaci, città d’arte, è tristemente nota per l’attentato del 1992 nel quale persero la vita il giudice antimafia Giovanni Falcone e la sua scorta. Il GAL tra i suoi scopi ha il compito di attuare il Piano di Sviluppo Locale, finanziato dalla Regione nell´ambito del PSR Sicilia 2007/2013, che prevede tre linee d´intervento: mettere a sistema e promuovere l´offerta rurale in chiave turistica; far partecipare all´economia turistica tutto il territorio, avvalendosi della realizzazione di piccole infrastrutture e d´itinerari idonei a sviluppare una domanda di turismo rurale e sostenere le imprese agricole, favorendo la distribuzione dei prodotti tipici attraverso le filiere corte e la diversificazione dalle attività  tradizionali. Il GAL e L’Associazione Terra Damare, presenti alla BMT nel padiglione 3 con un proprio stand, intendono far conoscere le località, l’artigianato, l’enogastronomia della zona, il patrimonio religioso, le tradizioni di questa parte rilevante del territorio siciliano.

Articolo precedenteCarfora – Casillo. Mors tua vita mea. A Casoria i due potrebbero ritrovarsi contrapposti.
Articolo successivoSant’Antimo. Cena di beneficenza per i bambini del Pausilipon
Nato a Napoli, Maturità Classica, Laureato in Giurisprudenza 110/110 e lode, iscritto all’Albo dei Giornalisti dal ‘73, socio GIST (Gruppo Italiano Stampa Turistica), specializzato in Enogastronomia, Viaggi, Turismo e Cultura, Ispettore On. Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, corrispondente di testate internazionali e nazionali, componente del consiglio direttivo della Sez. Italiana Ass. dei Giornalisti Europei, Vicepres. del Movimento Unitario Giornalisti, M.lo Superiore Corpo Ambientale Nazionale responsabile distaccamento di Napoli, socio fondatore Rotary, Grande Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana “motu proprio” presidenziale