Home Sport AL CAMP NOU LE SUGGESTIONI EUROPEE DEL NAPOLI

AL CAMP NOU LE SUGGESTIONI EUROPEE DEL NAPOLI

219
0

di Emanuele Barbato – Continua il febbraio eccezionale per gli appassionati partenopei. Dopo il big match contro l’Inter, il Napoli è chiamato ad un’altra grande serata, dal volto europeo, in terra catalana, contro il Barcellona. Sfida valevole per l’andata degli spareggi di Europa League. Gli uomini di Spalletti hanno chiuso al secondo posto il girone C, alle spalle dello Spartak Mosca che – a parità di punti – ha avuto la meglio per questioni di classifica avulsa. I blaugrana guidati da Xavi non sono riusciti, invece, ad agguantare la diciottesima partecipazione consecutiva alla fase ad eliminazione diretta di Champions, raccogliendo nel proprio girone appena sette punti, piazzandosi alle spalle di Bayern e Benfica. E’ l’esordio in Europa League per il Barça (l’ultima in Coppa Uefa risale al 2003/2004); nona partecipazione alla fase ad eliminazione del torneo per il Napoli.

PRECEDENTI – Barcellona e Napoli si sono affrontate solo una volta nelle competizioni Uefa, agli ottavi di Champions League edizione 2019-2020. L’andata, a Napoli, è terminata 1 a 1 con le reti di Mertens e Griezmann. I più ricorderanno la sospensione per diversi mesi della sfida di ritorno a causa della pandemia di COVID-19; giocata straordinariamente l’8 agosto, e, terminata 3 a 1 a favore dei blaugrana con reti di Lenglet, Messi, Suarez, ed Insigne. 
 IL BARCELLONA CONTRO LE ITALIANE – ha un bilancio di 30 vittorie, 18 pareggi e 12 sconfitte, nelle 60 partite giocate. La sconfitta più pesante è stata lo 0-3 contro la Juventus alla sesta giornata della scorsa edizione di Champions.
IL NAPOLI CONTRO LE SPAGNOLE – ha conseguito 6 vittorie, 6 pareggi e otto sconfitte, nelle 20 gare disputate. Per ultime, la vittoria contro la Real Sociedad per 1 a 0, e la sconfitta per 2 a 0 contro il Granada all’andata dei sedicesimi di E.L. Il bilancio nelle doppie sfide contro squadre spagnole è di una sola vittoria e sette sconfitte, di cui sei nelle ultime sei partite. 

STATO DI FORMA Il Barcellona è quarto in Liga, a pari merito con l’Atletico Madrid, a quota 39 punti. Domenica scorsa, dopo aver vinto proprio contro l’Atleti di Simeone per 4-2 nella settimana precedente, è riuscito a strappare un punto al 96′ nel derby contro l’Espanyol. Eliminato in Coppa del Re, agli ottavi, dall’Athletic Bilbao, alla fine di gennaio, e con prestazioni alquanto altalenanti, il Barça conferma di essere in uno dei momenti più difficili della sua storia. L’arrivo di Xavi in panca, seguito da alcuni acquisti altisonanti, ha dato nuova linfa ai blaugrana che, con lui, sono tornati a fare del possesso palla – nuovamente – un vero e proprio mantra. Tuttavia, superarli non è così arduo come la loro storia suggerirebbe. Il presente racconta ben altro. I punti deboli dei catalani ci sono e non sono trascurabili. Il Napoli, reduce dal pareggio contro l’Inter campione d’Italia, – dal canto suo, vive un ottimo momento, tanto da stazionare tra le prime tre posizioni della classifica ad un soffio dalla prima. I ritorni di Koulibaly, Anguissa, ed Osimhen, – a lungo fuori dalle fila azzurre, rendono la percezione del futuro ancor più rosea.   

PROBABILI FORMAZIONI –
NAPOLI: con Ghoulam che entra a far parte della lista Uefa. Lobotka, Politano e Lozano, non convocati. Meret potrebbe partire titolare, mentre in difesa dovrebbe essere tutto riconfermato rispetto alla gara contro l’Inter. Con la defezione Lobotka, ecco il ritorno tra i titolari sulla mediana, di Anguissa a far da coppia con Fabian. Sulla trequarti altra novità: Elmas a destra. Attenzione ad Osimhen non al meglio per un problema al ginocchio, scalpita Dries Mertens. 
(4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus, Mario Rui; Anguissa, Fabian; Elmas, Zielinski, Insigne; Osimhen; allenatore Spalletti.
Ballottaggio: Meret-Ospina 55%-45%; Osimhen-Mertens 55%-45%
Indisponibili: Lozano, Politano, Lobotka, Tuanzebe.

BARCELLONA: tre i nuovi ingressi nella lista della rosa per questa E.L. Aubameyang, Ferran Torres, ed Adama Traoré prendono il posto di Aguero, Coutinho, Demir ed Inaki Pena. In assoluta emergenza difensiva con le assenze di Lenglet, Araujo, Umtiti, e Dani Alves (non in lista). Pedri è l’unica certezza a centrocampo, e Busquets potrebbe riposare. Questione diversa sul fronte offensivo, lì c’è abbondanza ed i dubbi si scioglieranno solo un’ora prima del match.
(4-3-3): Ter Stegen; Dest, Piqué, Garcia, Alba; Gavi, De Jong, Pedri; Traoré, Aubameyang, Dembelé; allenatore Xavi.
Ballottaggio: De Jong-Busquets 60%-40%, Dembelé-Ferràn 55%-45%
Indisponibili: Lenglet, Araujo, Umtiti, Dani Alves, Ansu Fati, Depay, Sergi Roberto. 

L’arbitro designato è il signor Istvàn Kovacs, rumeno, classe 1984.

Articolo precedenteCasoria : ratti in città
Articolo successivoUn Napoli attento pareggia a Barcellona
Redazione Il Giornale di Casoria - Il portale di informazione dell'area a Nord di Napoli