Home Cronaca & Attualità Afragola. Striscia la notizia torna nella terra dei rifiuti

Afragola. Striscia la notizia torna nella terra dei rifiuti

218
0

CatturaLuca Abete fa ritorno ad Afragola. Immagini vergognose ed impietose quelle mostrate nel servizio mandato in onda su Canale 5 nel programma Striscia la Notizia. Rifiuti di ogni tipo ammucchiati lungo la strada, adibita, ormai, a discarica a cielo aperto. A pochi metri dagli ammassi variopinti, carbonizzati e tossici si stendono campi coltivati a frutta e verdura. Il cronista di Striscia la notizia è impallidito. Ironizza sui millantati “controlli approfonditi” messi in atto dallo Stato in questa terra di tutti e di nessuno. Un uomo dall’identità sconosciuta, ai microfoni di Mediaset, ha dichiarato di subire quotidianamente, di sera, sversamenti di rifiuti nelle sue terre coltivate a broccoli. Lo stesso ha, anche, sottolineato che degli accertamenti di cui si vocifera spesso ai tavoli istituzionali e per strada, in realtà, non se ne vede l’ombra da tempo e che gli ultimi risalgono al 2013. Un problema solo apparentemente circoscritto, chiosa Luca Abete, considerato che molti prodotti coltivati di queste terre finiscono a grosse aziende nazionali. L’inviato ha accennato, inoltre, all’intervento dell’esercito previsto per sorvegliare la zona, operazione che i cittadini presenti sul posto hanno smentito animosamente.  Il servizio si chiude in bellezza. Il giornalista ha pensato bene di esortare le istituzioni competenti con un ironico ballo, il “Munnezza Jouer”. Melodia nota ed orecchiabile, con un nuovo testo da SIAE, che fa da sottofondo musicale alle immagini deprecabili della nostra città.

Articolo precedenteCasoria. Biblioteca comunale, si discute dell’applicazione della legge regionale sugli abbattimenti.
Articolo successivoCasoria. Ragazzina scomparsa, il padre in lacrime: “siamo disperati”
Giovane redattrice e membro della Croce Rossa Italiana. Appassionata di lettura, teatro e jazz, nel corso dei miei studi universitari alla Facoltà di Giurisprudenza ho, altresì, maturato uno specifico interesse per il tema dei diritti umani. Scrivo con lo sguardo rivolto, sempre, allo scenario internazionale. Legata alla figura autorevole di Oriana Fallaci, sprone ed esempio di coraggio, ho abbracciato un suo pensiero: “Se sono brava non lo so, lavoro duro, lavoro bene. Ho dignità. Ho una vita per dimostrarlo”.