Home Senza categoria Afragola. Nuovo addio in giunta. Duro affondo di Pannone su scuola e...

Afragola. Nuovo addio in giunta. Duro affondo di Pannone su scuola e tasse.

166
0

308540_0_0Sempre più traballante l’Amministrazione guidata dal primo cittadino Domenico Tuccillo e della sua maggioranza. Gli afragolesi ne stanno prendendo, a poco a poco, coscienza come dimostrato lo scorso Ferragosto, quando, durante il Concerto organizzato dalla Pro Loco, Tuccillo è salito sul palco ed è stato sommerso dai fischi di cittadini che lo invitavano ad andarsene a casa. “Gli afragolesi –dichiara Antonio Pannone, leader dell’opposizione e già Sindaco facente funzioni di Afragola –  hanno dovuto trascorrere l’intera estate con le strade invase dai cumuli di rifiuti mentre Tuccillo e l’assessore all’Ambiente  Iavarone se ne stavano al sole. Afragola oggi è una città con interi quartieri al buio, erbacce dovunque, la villa comunale chiusa e inaccessibile alle famiglie. Afragola è tornata indietro di decenni. È in atto un gioco al massacro di cui Tuccillo, non avvezzo ai ritmi dell’azione amministrativa, non si rende neppure conto”.Inoltre avevamo previsto – aggiunge Pannone nel nostro intervento nella seduta del Consiglio comunale del 4 agosto, le ormai imminenti dimissioni dell’assessore di fiducia del sindaco, Trotta, per manifesta incapacità politica e per lo scarso gradimento da parte dei consiglieri di maggioranza (un assessore che  in due anni non ha mai affrontato le tante problematiche dei dipendenti comunali pur avendo la delega al personale). Tuccillo in aula non ha smentito e si è sottratto come sempre al confronto, a cominciare dai tagli alle manutenzioni e ai servizi essenziali al cittadino. Ora i fatti ci danno ancora ragione: Trotta abbandona la nave che affonda mentre nella maggioranza sempre più traballante è in atto un regolamento dei conti. Siamo al delirio totale: assessori che scappano, assessori impotenti che se stanno ad oziare tutto il giorno, assessori che si congelano e non partecipano alle sedute della Giunta. È uno scenario raccapricciante..

Ora – sottolinea ancora Pannone siamo alle prese, per il terzo anno consecutivo, con il doloroso capitolo della riapertura delle scuole. Con l’immobilismo del sindaco e degli assessori, noi rappresentanti dell’opposizione stiano facendo le verifiche nei vario plessi scolastici, come è nostra sana abitudine. Il quadro è desolante. Anche negli istituti scolastici si registrano ritardi notevoli nelle manutenzioni ordinarie e del verde. Per non parlare dell’assenza di interventi di pulizia e diserbo nelle aree adiacenti. Con il v. presidente del Consiglio Comunale, Raffaele  Fusco, abbiamo appurato che la situazione è tragica in più di un istituto, in particolare presso la sede centrale del III Circolo didattico “Aldo Moro”, dove nei giorni scorsi sono apparsi anche i ratti, che hanno invaso le aule del piano terra, dove sono accolti i bambini della scuola dell’infanzia. Il dirigente scolastico ha cercato di sollecitare l’interevento dell’Amministrazione. Ma, per l’ennesima volta,  gli assessori si sono dimostrati capaci di fare una sola cosa, lo “scaricabarile”:  “non è compito mio, è compito di quell’altro”, mentre Tuccillo non sa, non vede e non sente.  In una Città ormai invivibile – conclude Pannone –  Tuccillo si ostina a voler prendere per i fondelli gli afragolesi, aumentando le tasse.  Come stanno verificando dalle comunicazioni e dai bollettini consegnati a domicilio, i nostri concittadini pagheranno non più in quattro ma in tre rate la tassa sui rifiuti che Tuccillo ha aumentato lo scorso anno. Le tariffe idriche sono aumentate del 9 % per la prima volta dopo dieci anni, come deciso da Tuccillo dopo aver affidato uno studio ad hoc ad un consulente retribuito con più di 30 mila euro.  Le proposte avanzate dai gruppi di opposizione per tutelare le famiglie afragolesi e, soprattutto, le fasce più deboli sono state tutte respinte da Tuccillo e dalla sua maggioranza di dilettanti”

Articolo precedenteESCLUSIVA – Il consigliere Emilio Polizio: “I consiglieri di maggioranza hanno arrecato un grave dissesto finanziario a Casoria”
Articolo successivoCasalnuovo. In scena la 31°edizione della sagra dedicata alla salsiccia
Studente al “Dipartimento di Giurisprudenza” all'Università Federico II di Napoli. Ha una grande passione: la politica. Collabora per il settimanale “Nuova Città”, da giugno fa parte della squadra de “Il Giornale di Casoria”.