foto-1Il “Movimento Culturale Ideelibere” è nato circa due anni or sono, in provincia di Napoli. Dal catrame, o meglio dai rifiuti tossici interrati, è sbocciato questo fiore dai vividi colori di speranza. Un’associazione culturale che, di fatto, è un laboratorio politico, in cui può partecipare chiunque. Un luogo dove la diversità di vedute non è considerata un limite, ma un punto di confronto politico e culturale. Siamo al cospetto di uomini giovanissimi e di libere idee, testimoni del falso pregiudizio di chi dipinge in toni scuri le nuove leve italiane, troppe volte tirate in ballo in confronti poco edificanti con i ragazzi di altri paesi europei. Reduci da due anni di battaglie sul territorio, tra i primi traguardi già raggiunti ricordiamo l’apertura anche pomeridiana della Biblioteca Comunale di Afragola. Da oltre 15 anni se ne discuteva. Grazie alla loro lotta, dal 1 settembre 2014 la Biblioteca è aperta mattina e pomeriggio. Salvatore Salzano, Presidente Nazionale del Movimento, ha dichiarato a tal proposito: “Quando si è segnalato il disservizio della Biblioteca e non si hanno avuto risposte, ci siamo informati, abbiamo elaborato un progetto, incluso di copertura finanziaria (apertura del servizio a costo zero) e l’abbiamo presentato. Il fine ultimo è diffondere un nuovo modo di vivere la Biblioteca come motore di sviluppo per l’intera città, un posto dove poter organizzare iniziative culturali, corsi di formazione, stimolare la partecipazione dei giovani. Un luogo iperaccessibile alle associazioni, alle parrocchie, alle scuole e ai singoli cittadini. E ci riusciremo! Stiamo lavorando ad un protocollo d’intesa che ha una certa lungimiranza”. Prosegue, poi: “A dicembre abbiamo promosso l’importantissimo evento “Ambiente è futuro”. E’ stata una marcia senza pari ad Afragola, non l’espressione di solo malessere, ma la base di un percorso mirato. L’obiettivo del Movimento è l’attuazione del programma in tema di politche ambientali, nato dal confronto di idee di cittadini, associazioni, istituti scolastici ed imprese”. Condividere con i lettori il programma d’azione di quest’anno è per loro di fondamentale importanza. Di seguito i punti nodali su cui lavoreranno duramente: A) Riqualificazione Manufatti Dismessi; B) Riqualificazione Spazi Verdi. L’attenzione per il verde non è una mera questione estetica, ma di vivibiltà cittadina. E’ scientificamente provato che una città con un’ampia concentrazione di verde d’estate ha 4/5 gradi in meno rispetto ad una città ipercementificata, grazie alla funzione di termoregolazione degli alberi; C) Trasporto Pubblico Urbano. Si agirà di concerto con l‘Istituto Sereni, caratterizzato da un’utenza diversificata. La questione del trasporto pubblico, in questo caso specifico, è un grave problema di diritto. Chi ha difficoltà ad arrivare a scuola, anche di pomeriggio per le attività extracurriculari, non ha pieno accesso all’offerta formativa. Si è al lavoro per la presentazione, tra aprile e maggio, di un progetto di trasporto pubblico locale efficiente; D) Area Archeologica di Velia (Salerno). Il proposito è di avviare un dialogo con la Soprintendenza di Salerno e le associazioni del territorio, al fine di trovare soluzioni per il rilancio e la valorizzazione del sito che versa in condizioni indignitose. Che dire, questi ragazzi ci danno l’idea di veri combattenti e “combattendo, talmente splende l’anima, che il cielo è piccolo per contenerla.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •