Home Afragola Afragola. Daddi.it, ogni acquisto un sorriso. Un sito e-commerce made in Afragola

Afragola. Daddi.it, ogni acquisto un sorriso. Un sito e-commerce made in Afragola

198
0

485497_526988594029286_341176222_nPassione, coraggio, giovane inventiva e dedizione. Ecco la miscela vincente del team di Daddi.it, un sito e-commerce in forte crescita di prodotti di tecnologia e di elettronica, nato ad Afragola nel 2012 dal desiderio di mettersi in gioco di Danilo D’Angelo e Raffaele Balsamo. Per i pochi non ancora informati, l’e-commerce è una forma di commercio che si avvale di un sito web per effettuare transazioni economiche. Il sito mette a disposizione un catalogo di prodotti e consente l’acquisto online. Il pagamento avviene comunicando via rete il proprio numero di carta di credito. L’e-commerce non pone limiti né qualitativi né quantitativi alla proposta di beni e servizi e ha, per questo, influenzato i produttori tradizionali, realizzando qualcosa di rivoluzionario: per la prima volta nella storia economica aziendale, il mercato è stato pilotato dagli stessi clienti. Ora, tornando a Daddi: in cosa si differenzia dagli altri siti e-commerce? Cosa lo rende così particolare? In primo luogo, l’alta sicurezza dei pagamenti e della privacy, grazie all’utilizzo dei più avanzati sistemi di crittografia dei dati. Velocità nei tempi di consegna (garantita in 48/72 ore). Assistenza clienti a 360 gradi; è, infatti, attiva una vera e propria chat sul sito www.daddi.it che mette in contatto con un operatore, competente e disponibile, il quale cercherà, nel minor tempo possibile, di sciogliere dubbi o risolvere problemi. Ed inoltre, il prolungamento a 20 giorni dei termini per l’esercizio del diritto di recesso. Daddi è presente su tutti i social network, da facebook ( https://www.facebook.com/pages/Daddi/163436487051167) a twitter (https://twitter.com/daddiit) passando per linkedin. Dalla pagina facebook (e questo è davvero innovativo) si può acquistare direttamente il prodotto desiderato cliccando sul bottone “carrello” nell’area “Daddi Store”. Ma ciò che più di tutto ha colpito è l’intento di queste giovani menti non di esercitare mera ed esclusiva attività commerciale, ma di creare un’autentica community di fedeli clienti (brand loyalty) e dare vita ad una realtà multidimensionale che considera non solo gli aspetti distintivi, ma anche la storia dell’impresa (brand identity). Figlio di questa volontà sarà un blog, che nascerà a breve. Non possiamo non citare, poi, la lodevole iniziativa “Daddi for charity”. Per tutto il mese di dicembre fino al 7 gennaio, su ogni acquisto consegnato, Daddi tratterrà 1 euro dal proprio guadagno. L’euro sarà donato ad una di queste tre onlus: Medici senza frontiere, AIRC o UNICEF. Sarà l’acquirente a decidere a chi destinarlo cliccando “Mi piace” nell’area di facebook dedicata all’iniziativa. L’intera somma raccolta sarà, poi, devoluta all’associazione che avrà ricevuto più “Mi piace”. Ecco spiegato, dunque, lo slogan “ogni acquisto un sorriso”, perché dietro il duro lavoro c’è profonda umanità. Le parole che si leggono sul sito nell’area relativa alla loro descrizione sono eloquenti: “I clienti hanno bisogno di avere un contatto diretto con il venditore, che deve essere in grado di comprendere le singole esigenze e dare delle risposte. Questa è la mission di DADDI. Il nostro team è composto da persone vere, capaci e desiderose di ascoltarvi e darvi il giusto supporto, rendendo tutto il processo d’acquisto semplice e piacevole”.

Articolo precedenteNapoli. Impianti abusivi dediti all’allevamento di anguille posti sotto sequestro
Articolo successivoIl video virale dei frati francescani della provincia di Napoli impazza sul web. Guarda
Giovane redattrice e membro della Croce Rossa Italiana. Appassionata di lettura, teatro e jazz, nel corso dei miei studi universitari alla Facoltà di Giurisprudenza ho, altresì, maturato uno specifico interesse per il tema dei diritti umani. Scrivo con lo sguardo rivolto, sempre, allo scenario internazionale. Legata alla figura autorevole di Oriana Fallaci, sprone ed esempio di coraggio, ho abbracciato un suo pensiero: “Se sono brava non lo so, lavoro duro, lavoro bene. Ho dignità. Ho una vita per dimostrarlo”.