Home Area Nord di Napoli Acerra. Parte il progetto comunale antiracket e antiusura

Acerra. Parte il progetto comunale antiracket e antiusura

122
0

acerraMartedì 17 febbraio è stato un giorno importante perla città di Acerra perché oltre a festeggiare il carnevale, è stato aperto lo sportello comunale antiracket e antiusura, a via Roma, nel pieno centro storico. Si tratta di un progetto a tempo cofinanziato da regione e comune, in cui il personale si occuperà di illustrare il progetto venerdì 20 febbraio e che mira ad accogliere le richieste di aiuto dei cittadini perseguitati dai clan dalle estorsioni e dall’usura. Una volta che saranno esauriti i fondi si pone fine all’iniziativa, anche se dal comune trapela la possibilità di continuare. Dunque il progetto partirà venerdì alle ore 10:30 dove saranno illustrate le attività antiracket e antiusura e le iniziative inerenti agli alunni delle scuole, ai docenti e alle famiglie;  attività che saranno realizzate dal comune e coordinate dalle “Associazioni Antiracket e Antiusura Campane”.  Allo stesso tempo il responsabile dello sportello illustrerà inoltre i progetti rivolti agli alunni delle scuole del territorio, concentrati sul tema “Uso Consapevole Del Danaro” e gli incontri con i docenti e i genitori per contrastare il sovra indebitamento, l’usura e il racket. Alla presentazione del progetto interverranno: Raffaele Lettieri (sindaco di Acerra), Antonio Di Donna (vescovo di Acerra), Francesca Niola (dell’associazione “Libera” di Acerra), Vincenzo Montano (presidente della locale associazione antiracket), Giuseppe Gargano (dirigente della quarta direzione del comune di Acerra), Roberto De Falco (psicologo e coordinatore dello sportello antiracket Acerra), Andrea Davanzo (esperto legale dello sportello), Salvatore Cantone (dirigente della Federazione delle associazione antiracket e antiusura italiane), Franco Malvano (commissario antiracket e antiusura della regione Campania) e inoltre parteciperanno anche esponenti delle forze dell’ordine.

Articolo precedenteCasoria. Un convegno sul messaggio ludoviciano e sulla carità
Articolo successivoCasoria. “Consulta dello Sport”: associazioni sportive insieme per la città.
vive a Casoria, 22 anni, laureando in scienze dell'Amministrazione e dell'Organizzazione nella facoltà di Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Ha sempre amato scrivere per quanto concerne il calcio, scrivendo già per un giornale online e per “il giornale di Casoria” da novembre 2013 a marzo 2014. Il calcio è una passione che coltiva sin da piccolo.