fiera-pasqua-napoliChiunque guardi un telegiornale sarà di certo informato del fatto che, anche quest’anno, complice la crisi, la maggior parte degli Italiani passerà le vacanze Pasquali a casa. Certo il “problema” è meno sentito da chi vive in una città d’arte come Napoli, dove, grazie ai diversi eventi ed alle iniziative turistiche programmate, di certo turisti e partenopei non resteranno senza nulla da fare. Si potrà, infatti, partecipare alla IV fiera di Pasqua, che attualmente è già in corso e che si estrinseca in tre diverse iniziative: “Botteghe aperte a San Gregorio Armeno”, “I percorsi del gusto” e “I canti della tradizione popolare”.

Tutti i giorni, dalle 10.00 alle 20.00, nei caratteristici vicoli di san Gregorio Armeno, sarà possibile imparare dai famosi artigiani le antiche tecniche di lavorazione e ammirare le opere in stile presepiale settecentesco, dedicate alla passione e alla resurrezione.

Nei Decumani, invece, dalle 10.00 alle 23.00, trattorie, pizzerie e pasticcerie proporranno degustazioni di cibi legati alla tradizione culinaria Napoletana.

Nei fine settimana, infine, in Piazza San Domenico Maggiore e ai Decumani, si terranno spettacoli di intrattenimento musicale.

Considerando poi che Pasqua quest’anno cade nella prima domenica di aprile, in virtù della norma del decreto Franceschini, che stabilisce che ogni prima domenica del mese non si pagherà il biglietto per visitare i monumenti statali, saranno visibili gratuitamente tutti i monumenti, musei, gallerie, parchi e giardini monumentali dello Stato, alcuni anche il lunedì in Albis.  Premesso che l’elenco completo dei posti visitabili è disponibile sul sito www.beniculturali.it, indichiamo in particolare i monumenti la cui apertura sarà assicurata sia di domenica che di lunedì: Castel Nuovo e la Ruota SS. Annunziata, il Cimitero delle Fontanelle, le  chiese di S. Lorenzo Maggiore, S. Pietro a Maiella, S. Chiara, S. Angelo a Nilo, S. Caterina a Formiello, S. Eligio Maggiore, S. Giovanni a Mare, Regina Coeli, Giovanni a Carbonara, S. Paolo Maggiore, SS. Apostoli.

Solo il lunedì di Pasquetta, inoltre, fino alle ore 19, sarà, visitabile il Convento di San Domenico Maggiore, dove si terranno, tra l’altro, due mostre: “Il Bello o il Vero” e “Giovanni Tizzano. Anteprima del Novecento“.

Domenica e lunedì, poi, a partire dalle 17.00, nel cortile della chiesa di Santa Chiara, si terrà uno spettacolo unico nel suo genere, il concerto di campane dal titolo “Campana e Sonus”. Il programma prevede la riproduzione di brani musicali del II medioevo tramite il suono di 20 campane di bronzo, integrato con percussioni. Il concerto è stato ideato con la collaborazione del gruppo musicale “Percussioni Ketoniche” e della Pontificia Fonderia Marinelli di Agnone.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •