Home Eventi ”50 Top Pizza” bussa alle porte.

”50 Top Pizza” bussa alle porte.

206
0

Senza ombra di dubbio c’è un prodotto, manco a dirlo italiano o, se vogliamo, vera icona napoletana, che sta vivendo un momento di autentica evoluzione riscuotendo un successo planetario, che non ha precedenti: la pizza! É sul proscenio e rappresenta il vero simbolo della cucina italiana nel mondo. Non è casuale, infatti, la scelta di New York per la presentazione di un evento, il “50 Top Pizza”, che ha il fine di svelare le migliori pizzerie, anche operanti all’estero. Sul parterre, per l’occasione, chef famosi come Sean Grey (Momofuku Ko di New York), Mauro Maccioni (Le Cirque sempre di New York), Massimo Sola (Isola Pasta Bar), Alessandro Rapisarda (Caffè Opera di Recanati) e, infine, Gino Sorbillo e Rosario Ferraro (Antica Pizzeria da Michele) direttamente dall’Università della Pizza con sede in Napoli. Momenti di approfondimenti saranno dedicati anche ai prodotti diremmo a latere, quali la mozzarella di bufala campana, i pomodori dell’agro nocerino-sarnese, l’olio extra vergine di oliva. Il momento clou legato a questo road to Naples 2017 di “50 Top Pizza”, però, sarà rappresentato dal gran finale, previsto per il 20 luglio a Napoli in Castel dell’Ovo, con le best 50 italiane di quest’anno. Manca, ormai, meno di un mese all’evento, per svelare sia le 50 migliori pizzerie italiane, che la migliore pizzeria napoletana fuori dall’Italia. L’intero progetto è, però, dedicato alle 500 migliori pizzerie d’Italia. Frutto di una classifica stilata, in forma anonima, da 100 ispettori (che hanno pagato regolarmente il conto senza far scoprire il ruolo che hanno ricoperto) sulla base della qualità, ma anche del servizio, della carta dei vini e delle birre, della ricerca, dell’arredamento dei locali. E’ stato appositamente istituito un sito, www.50topizza.com, che riporta on line le 350 pizzerie che vanno, tutte ex aequo, dalla 151esima alla 500esima posizione e continuano ad essere pubblicate, con cadenza addirittura quotidiana, quelle dalla 150esima alla 51esima posizione. La manifestazione si avvale di sponsor d’eccezione quale “Cosi Com’è”, “Olitalia” e “Mozzarella di Bufala Campana”. I partner dell’evento non potevano essere da meno e annoverano marchi come “Zonin 1821”, “Pastificio De Martino”, “Molino Caputo”, “Acqua Panna e San Pellegrino”, “Electrolux”. Sempre a cura di MG LOGOS, poi, tutto ciò che ruota intorno alla comunicazione per l’evento, azienda che sapientemente mette a frutto competenze ed esperienza per la presentazione e preparazione di quest’altro momento che si preannuncia di elevato appeal. Saremo presenti, dunque, in questo finale che si preannuncia carico di partecipazione e curiosità per conoscere quelle che saranno consacrate come le “migliori pizzerie” assurte, ormai, a comparto dalle dimensioni internazionali, che deve proseguire in una mission che va al di là del semplice fattore gastronomico: far gustare a tutti i migliori prodotti del giacimento agroalimentare italiano.

Articolo precedentel tribunale di Napoli Nord primo in Italia sui tempi di definizione delle procedure esecutive
Articolo successivoEstate??? Via alle insalate
Laureata in Beni Culturali e specializzata in Organizzazione e Gestione del Patrimonio Culturale ed Ambientale presso la Federico II di Napoli. Collabora con “Napoli Caput”, un blog che mira alla valorizzazione della nostra cultura e del nostro presente-passato. Innamorata di Napoli e della sua immensa bellezza, convinta assertrice che attraverso la conoscenza della Storia della nostra città, possa essere possibile la riscoperta del senso di appartenenza che molti hanno perso. Appassionata di Arte e fotografia, da sempre alla ricerca di luoghi poco conosciuti e poco valorizzati. Ama scrivere e si definisce persona contraria ad ogni tipo di pregiudizio e grande sostenitrice delle enormi potenzialità di Napoli.