Home Editoriale 2022, il Governo punta alla endemia con i vaccini e pass sempre...

2022, il Governo punta alla endemia con i vaccini e pass sempre più rafforzati per non fermare il Paese

441
0

Nell’ultimo Consiglio dei Ministri del 2021 il Governo ha varato altre, ulteriori, misure per contenere la diffusione del coronavirus, con alcune misure che andranno in vigore dal 31 dicembre ed altre dal 10 gennaio. 
Da oggi: si azzera la quarantena in caso di contatto con soggetti potenzialmente positivi per le persone asintomatiche che hanno ricevuto la terza dose, oppure la seconda, oppure che siano guariti dal Covid entro i 120 giorni precedenti al contatto stesso. Resta tuttavia l’obbligo di indossare mascherine Ffp2 sia al chiuso che all’aperto. Si abbassano da dieci a sette i giorni di necessario isolamento per le persone positive al Covid che hanno completato il ciclo vaccinale, tre dosi, purché gli stessi siano asintomatici o risultino tali da almeno tre giorni.
Dal 10 gennaio invece si estende la necessità del Green Pass rafforzato per accedere ad alberghi e strutture ricettive, centri congressi, servizi di ristorazione anche all’aperto, feste in genere, sagre e cerimonie religiose. Ci vorrà la certificazione rafforzata anche per svolgere sport all’aperto, per andare in piscina, nei centri benessere, culturali, ricreativi e per viaggiare su treni e aerei.  
Una buona notizia sta nella decisione di contenere i prezzi delle mascherine Ffp2 ad un euro mediante delle convenzioni con le farmacie, che dovrebbero essere gestite direttamente dal Commissariato per l’emergenza covid. Convenzioni che però saranno attive presumibilmente da dopo Capodanno anche se non si registrano speculazioni nei prezzi di vendita delle mascherine da parte delle farmacie del territorio. 
La variante Omicron, vista la sua alta trasmissibilità sarà destinata ad essere la versione predominante, più della delta, del coronavirus in questo 2022. I contagi in Italia sono cresciuti dell’80 % nella sola settimana di Natale per non contare ciò che succede all’estero dove la situazione è fuori controllo in molti paesi. Giova ricordare comunque che vige ancora l’obbligo di tampone e quarantena di cinque giorni per coloro che rientrano da viaggi all’estero.   
Tuttavia sempre di più i dati sull’efficacia dei vaccini contro la variante Omicron stanno confermando che questi non solo proteggono dall’infezione ma anche dalla trasmissione ad altre persone e anche in caso di infezione inducono ad avere sintomi lievi o addirittura assenza di sintomi. Per questo motivo il Ministero della Salute, subito dopo l’approvazione del Decreto ultimo del 2021 ha pubblicato una Circolare in cui si “promuove la somministrazione della terza dose booster del vaccino, in base al tempo trascorso tra le singole dosi”.  
Sempre dagli ambienti del Ministero della Salute – in particolare dal vice Ministro Sileri – trapela un cauto ottimismo sulla possibile trasformazione, nel corso del 2022, del Covid da pandemia a endemia; il che dopo oltre due anni dalla diffusione della malattia lascia pochi dubbi sull’origine da laboratorio del coronavirus cinese. Con il diffondersi dei vaccini, pur in presenza di nuove possibili varianti, l’agente responsabile del coronavirus resterà stabilmente presente nella popolazione, manifestandosi con un numero di casi più o meno elevato ma uniformemente distribuito nel tempo ad ondate cicliche ma sempre meno pericolose e impattanti sul sistema sanitario. 
Ecco che anche dal Direttore Generale dell’OMS, Tedros Ghebreyesus, arrivano parole di ottimismo sulla fine della pandemia, legate però al grande problema che oggi la comunità internazionale non ha ancora risolto, ovvero la diffusione dei vaccini nei paesi poveri ridotti a percentuali di vaccinati inferiori al 30 % della popolazione e dunque involontari diffusori di nuove possibili varianti. “Se mettiamo fine all’iniquità, questo sarà l’anno in cui metteremo fine alla pandemia. Il potere di cambiare il corso della crisi del Covid-19 è nelle nostre mani”. 
Parole di speranza a cui tutta la redazione de Il Giornale di Casoria si affida nell’augurare buon anno a tutti i nostri lettori, sempre più numerosi e affezionati al nostro modo di fare informazione sul territorio. Buon 2022.  

Articolo precedenteUn Capodanno senza botti. Dagli animali ai bambini, meglio evitare i fuochi d’artificio
Articolo successivoAvella dalla storia millenaria e ricca di tipicità agroalimentari
Ha iniziato l'attività giornalistica come cronista nel 1994, ancor prima di conseguire la Laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II (2003). Formatosi presso il settimanale della Curia Arcivescovile di Napoli "Nuova Stagione" e presso un periodico locale "Casoria Due" distribuito nella provincia a nord del capoluogo, ha svolto numerose collaborazioni quotidiani di rilievo regionale, in qualità di corrispondente dal comprensorio dei comuni a nord di Napoli. Tra le testate dove ha pubblicato propri servizi ed articoli: Il Roma, Il Giornale di Napoli, La Città, Metropolis e presso il quotidiano on-line Napoli.com. A partire dal 1999, all'attività di free lance, ha associato il lavoro presso Uffici Stampa di Enti Pubblici, tra cui la Provincia di Napoli, il Comune di Casoria, il Comune di Qualiano e l'Agenzia "Città del Fare". Nel settore della carta stampata è stato Caporedattore della rivista specializzata nel mondo della disabilità “Noi, gli altri, edita dall'A.I.A.S. (2004); è stato fondatore e direttore del settimanale "L'Urlo" edito nell'area giuglianese (2006) nonché fondatore e direttore del settimanale free press "Laltrolato" pubblicato nell'area nord di Napoli (2008). Nel settore radio-televisivo è stato redattore del radiogiornale di "Radio Ombra Sound" (1998) e collaboratore di trasmissioni di intrattenimento politico presso la televisione locale Tele Club Italia (2007). È stato direttore del Tg dell'emittente web UnicaChannel .