Home Politica Caivano. Rimpasto di governo. Al via la “fase due” del progetto di...

Caivano. Rimpasto di governo. Al via la “fase due” del progetto di governo.

114
0

20150615_monopoli_simone_sindaco_caivano.jpgLa “start up” positiva dell’amministrazione guidata dal sindaco Simone Monopoli consente alla coalizione di governo di entrare nella cosiddetta “fase 2”. Come previsto dal programma, gennaio è il mese del rimpasto di giunta che sarà gestito da una “cabina di regia” formata dai capigruppo e dai segretari dei partiti e dei movimenti politici che fanno parte dell’alleanza. Un organismo che affiancherà la giunta e la maggioranza anche nella programmazione e nella fase dell’attuazione del programma. Martedì è prevista la riunione operativa della “cabina di regia” durante la quale si discuterà di come accelerare sul piano amministrativo, aprendo la cosiddetta “fase 2”, garantendo ancora maggiore partecipazione e coinvolgimento nei processi decisionali. In linea con quanto stabilito dal programma di “discontinuità” presentato agli elettori. Anche perché il 2016 rappresenta un anno importante per la maggioranza e per l’amministrazione in quanto dovrebbero concludersi tutte le gare d’appalto messe in campo grazie agli indirizzi del sindaco e della giunta che hanno estirpato il ricorso sistematico alle proroghe: mensa, raccolta e smaltimento dei rifiuti le sfide più consistenti che l’amministrazione sta affrontando e porterà a termine nei prossimi mesi alla fine dell’iter burocratico i cui tempi sono dettati dalla legge.

Il sindaco Simone Monopoli lancia l’idea della “cabina di regia”: “Si tratta di una proposta importante – dichiara la fascia tricolore –  immediatamente recepita ad inizio mandato dai partiti e dai movimenti politici della coalizione di governo perché la “cabina di regia” rappresenta uno strumento che consente ai consiglieri ed ai partiti non solo maggiore partecipazione ma la possibilità di incidere con più forza nei processi amministrativi. La riunione di maggioranza serve a dettare gli indirizzi politici in maniera collegiale, sempre tenendo fede gli impegni elettorali; alla giunta il compito di tramutare quegli indirizzi in atti concreti. La “cabina di regia”, formata dai capigruppo e dai segretari, resta indispensabile per snellire i processi decisionali interni e avere sempre un punto di riferimento per un confronto sulle scelte da attuare che siano partecipate, veloci e collegiali”.

Sul rimpasto di giunta il sindaco è convinto che serva ad aprire la “fase 2” con un maggiore slancio all’attività amministrativa. “Il bilancio dei primi mesi di amministrazione è positivo perché siamo riusciti, almeno sui grandi temi e su quelli più scottanti, a garantire una inversione di tendenza netta rispetto al passato – continua Monopoli -.  E mi riferisco soprattutto alle gare d’appalto che abbiamo messo in campo riportando il Comune di Caivano nella sfera della normalità.  La linea guida è stata unica: in diversi settori dell’Ente locale c’era la necessità di servizi efficienti affidati attraverso procedure e metodi rispettosi della legalità e della libera concorrenza. E di sicuro la gara d’appalto sui rifiuti rappresenta un banco di prova importante per questa amministrazione perché si tratta di un settore molto delicato e spinoso, sia perché la raccolta della spazzatura esprime un servizio di primaria importanza per la comunità, sia perché proprio in questo settore garantire legalità e trasparenza è sinonimo di buona amministrazione. Ma, nel rispetto del programma elettorale, a gennaio 2016 abbiamo previsto un rimpasto dell’esecutivo nella tabella di marcia per chiudere la “start up” e dare inizio alla fase più operativa e di programmazione. Ecco perché, dopo un confronto coi partiti e coi movimenti dell’alleanza, se ci sarà qualche nuovo innesto in giunta, di sicuro si tratterà di assessori di qualità e competenti dei rami che andranno ad affrontare. Non rinunciamo alla meritocrazia e alle competenze. Anzi, intendiamo compiere un ulteriore passo in avanti. Inoltre, quest’anno saremo molto attenti alle opportunità legate ai finanziamenti europei. Su questo tema mi sto muovendo per tentare di garantire a Caivano soldi freschi da investire in strutture e servizi. Anche questa è una priorità della fase 2”.