Home Cronaca & Attualità Melito di Napoli. Giovane 24enne ucciso in un bar

Melito di Napoli. Giovane 24enne ucciso in un bar

249
0

pistola-molino-girola-gianluca-ciferri-uccide-e-spara-due-operai1-600x300L’omicidio è avvenuto martedì 5 Gennaio, poco dopo le 16 nel cuore di Melito, in provincia di Napoli. Il giovane, Luigi Di Rupo si trovava nel bar “Royal”, in via Po 11, quando è stato freddato dai killer, impassibili nei confronti delle persone, tra le quali anche alcuni bambini, che stavano intorno. Stando alle prime ricostruzioni dei fatti, il giovane si sarebbe rifugiato nel bar cercando di sfuggire all’agguato, inseguito da quattro uomini armati a bordo di uno scooter. Tra il terrore della folla, l’uomo è stato colpito al fianco e alla testa da alcuni colpi di pistola che lo hanno lasciato esanime, in una pozza di sangue davanti alla porta del bagno del bar. Solo dopo alcune ore è stato possibile ricostruire l’identità della vittima, che non aveva documenti con sé.  Il ventiquattrenne era un pregiudicato per detenzione di armi, originario di Mugnano ma residente a Melito. Già noto alle forze dell’ordine, era stato arrestato il 7 febbraio 2015 durante un blitz della Polizia ai Decumani, mentre si trovava in un appartamento con alcuni affiliati ai clan Sibillo (della zona di Forcella) e agli Orefice (appartenenti agli “Scissionisti” della Vanella Grassi). Affiliato al clan Amato-Pagano, Luigi Di Rupo era imparentato con il capozona di Melito e l’omicidio sarebbe quindi legato alla lotta tra i clan dell’area a Nord di Napoli per il controllo delle piazze di spaccio.