image3-1Grande successo per l’evento ”Napoli Film Festival 2016”,diretto da Mario Violini, e organizzato dall’Associazione Napolicinema, concluso  pochi giorni fa, con la nomina dei vincitori degli speciali premi del cinema.

Enclave” del regista serbo Goran Radovanovic si è aggiudicato il Vesuvio Award come Miglior Film, concorso Europa & Mediterraneo, “Per aver portato all’attenzione del pubblico – si legge nella motivazione – il disagio della minoranza serba in Kosovo negli anni del dopoguerra, attraverso una fotografia tematica e una regia consapevole”. “Enclave” è la storia di un ragazzo serbo che deve attraversare una zona di confine per arrivare a scuola e ci va tutti i giorni in un carro armato, accompagnato dall’esercito dell’ONU. Il Premio Avanti! per la distribuzione nei cinema italiani, offerto dalla Lab80 è stato consegnato al film turco “Dust Cloth” di Ahu Ozturk che narra di due donne curde domestiche nei quartieri bene di Istanbul. Una menzione speciale è andata “Simshar” di Rebecca Cremona, che racconta di una famiglia di pescatori e sullo sfondo il dramma dei migranti tra Malta e Lampedusa “per la sua capacità di coinvolgere lo spettatore spingendolo a riflettere sulla problematica attuale dell’immigrazione clandestina”. Per la sezione Nuovo Cinema Italia vince “Wide Blue Delivery” di Alessandro Cattaneo, realizzato a bordo di un mercantile in giro per il mondo, menzione speciale a  “Al di là del risultato” di Emanuele Gaetano Forte.

image2-7Per SchermoNapoli Doc, il premio è andato a “Flat Tyre – An American Music Dream” di Ugo Di Fenza, il viaggio in van da New York a Houston della band napoletana folk e bluegrass “La Terza Classe” alla ricerca delle origini della loro musica; menzione speciale a “Instabile” di Alessandro Chetta, sulla figura di Michele Del Grosso anziano impresario teatrale gestore del teatro sotterraneo Tin in vico Fico al Purgatorio.

Tra i Corti vince “Once upon a Time a Kid” di Francesco Eramo storia di un aspirante scrittore operatore che si guadagna la vita in un call center, menzione speciale alla “Ratzinger vuole tornare” di Valerio Vestoso e “Natalie” di Michele Greco. Per la sezione scuole Premio Giovani Visioni, a cura di Diregiovani in collaborazione con l’Agenzia di stampa Dire, riconoscimenti al film “Il mio mondo” di Giovanni Bellotti (sezione 5-14 anni), pensieri e speranze di tre ragazzi di Ponticelli (Centro Catrin di Napoli) e a “Sguardi riflessi” di R. Rossi (sezione 14-18 anni) opera sul tema dell’amicizia/amore tra due donne (G.B. Vico di Napoli); miglior cortometraggio e targa per la sezione 14-18 anni a “Jamme ja” di A. Picciano (ISIS A. Casanova di Napoli) sul disagio che può vivere un ragazzo straniero al suo primo giorno di scuola. Targa per la sezione 5-14 anni a “Maledetta Genoveffa” di Tommaso Travaglino (Istituto G. Puccini di Casoria, Na), I lavori vincitori delle tre sezioni di SchermoNapoli, Doc, Corti e Scuole saranno proposti nelle rassegne itineranti organizzate dall’Associazione NapoliCinema (41. Parallelo presso la Casa Italiana Zerilli-Marimò, New York University Department of Italian Studies, SchermoNapoli Rewind, presso il TAN e Cinema al Castello a Morra de Sanctis).

image1-12Sono stati tanti i giurati al lavoro nel corso di una intera settimana di proiezioni, scelti tra esperti, addetti ai lavori, giornalisti e studenti. L’opera vincitrice “Enclave”, è stata scelta da una giura di studenti dalle scuole di cinema della Campania ABAN – Accademia di Belle Arti di Nola, ASCI Scuola di Cinema a Napoli, CinemaFiction, FILMaP, La ribalta, Scuola di Cinema di Napoli, Scuola di Cinema Méliès, Scuola di Cinema Pigrecoemme. Il film si aggiudica anche il premio Augustus Color, consistente nella stampa di 5 copie DCP.

Nuovo Cinema Italiano – Al film vincitore, scelto da una giuria di studenti delle scuole di cinema della Campania, è andata la produzione di un dvd e la sua distribuzione per il circuito dell’home video.

Per SchermoNapoli Doc, nella giuria il giornalista Stefano Amadio, l’organizzatore culturale Armando Andria e il produttore Gianluca Loffredo.

Per il concorso SchermoNapoli Corti, in giuria Natascia Festa, il Presidente Associazione Culturale Mitreo Film Festival Paola Mattucci e l’attrice Adele Pandolfi.

Per SchermoNapoli Scuola in giuria la giornalista Carmen Credendino, la ricercatrice Anna Merinio, il produttore teatrale Giovanni Petrone.

 

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •