“La responsabilità ritorni ai Commissari in Sanità, così si riprende il bandolo di una matassa che mette fine alla caccia ai capri espiatori, e rimette al lavoro chi deve lavorare.

Balcanizzazione dei ruoli non aiuta nè i cittadini nè chi oggi ha onere di mettere mano a una sanità a pezzi. Per legge i commissari di governo hanno pieni ed esclusivi poteri anche in deroga, compreso su turn over, ma le responsabilità della sanità ricadono sempre e solo sulla regione. Operazione verità sia su tutto e nessuno sfugga alla necessità di recuperare i ritardi e di prendere atto che anni di commissariamento non hanno portato a nulla se non a ignobili scaricabarile o impietose crocifissioni. Chi risponde di fronte ai cittadini deve anche avere agibilità piena di agire e legiferare secondo le specifiche esigenze del territorio che amministra con occhio a monitoraggio continuo e costante sull’attuazione”.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •