Come promesso, ecco il mio primo editoriale di questo “neonato” 2018.

Sfortunatamente il bollettino di inizio anno è sempre negativo, con botti illegali venduti e sequestrati, scoppi di petardi che hanno incendiato auto e fatto saltare vetri, feriti più o meno gravi che affollano gli ospedali di Napoli.

Sfortunatamente questo rappresenta il “copione” che ogni anno si ripete e si ripete. 11 Feriti in meno rispetto al 2017, ma questo non dev’essere visto come un dato assolutamente positivo.

A Casoria proprio ieri sera, diverse persone hanno postato sui social, appartamenti leggermente “infiammati” per i petardi, fuochi d’artificio “scoppiati” accanto alle porte del municipio, petardi rumorosi che, dalla giornata del 31 dicembre, hanno intimorito cittadini e passanti.

Non sono mancate le classiche “baby gang” che si sono “deliziate” intimorendo i poveri cittadini, facendo scoppiare botti proprio sui marciapiedi.

Insomma un 2017 che si conclude non proprio alla grande, e tutti che confidano in un migliore 2018, purtroppo con premesse nettamente non idonee.

Dal canto nostro, osserviamo sempre tantissimi cittadini onesti che si prodigano per rendere il nostro un comune migliore: tanti residenti che lottano per non cedere ai diversi atti criminosi di cui Casoria è infestata, che richiedono maggiori controlli alle autorità competenti, maggiore sorveglianza e completo rispetto delle leggi e delle regole.

Di recente i residenti del quartiere Stella hanno “innalzato” una protesta per impedire l’edificazione di un ripetitore, nocivo e potenzialmente cancerogeno, proprio accanto alla loro abitazioni.

I lavori probabilmente proseguiranno e i cittadini continueranno nella loro pacifica sommossa. Non è il solo disagio che attanaglia Casoria: i lavoratori ex Carrefour proseguiranno la loro protesta a breve per la ripresa “seria” del loro posto di lavoro; prevista nei prossimi giorni un’altra manifestazione di lavoratori socio sanitari sempre presso le porte del comune, ma di questo ne parleremo a breve.

Bilancio fine 2017 dunque abbastanza problematico per il nostro Comune, con un inizio 2018 si spera positivo: per i miracoli non siamo ancora pronti, ma per le favole a lieto fine… Ci si può ancora attrezzare!

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •