Controlli clinici e diagnostici di prevenzione senologica per tutto il mese di ottobre ed oltre, incontri nelle parrocchie e nelle scuole delle diverse delegazioni provinciali della LILT di Napoli, appuntamenti radiotelevisivi di divulgazione medico-scientifica, eventi.

Partita anche a Napoli l’edizione 2017 della Campagna nazionale di prevenzione del tumore al seno “Nastro Rosa” della LILT partenopea presentata questa mattina nel corso di una conferenza stampa svoltasi presso il Museo Diocesano di Napoli. All’incontro con i giornalisti, moderato da Roberto Aiello, erano presenti il professor Adolfo Gallipoli D’Errico (Presidente della Lilt di Napoli), Angela Cortese (In rappresentanza della Regione Campania), Maria Pia Condurro (Direttore della Consulta Laicale dell’Arcidiocesi di Napoli), Irene Ferrara(Dj resident dell’Arenile di Bagnoli) e, testimonial dell’iniziativa, Veronica Maya (attrice e conduttrice televisiva).

“Torniamo a rilanciare la cultura della prevenzione – ha spiegato il professor Gallipoli D’Errico – sulla prima patologia oncologica nelle donne perché la prevenzione non sia vissuta, soprattutto nelle giovanissime cui è rivolta la nostra campagna, come un momento di ansia ma un normale stile di vita.  Lo facciamo in una realtà complessa visto che una recente ricerca ha rilevato come, sebbene le campagne di sensibilizzazione stiano dando i loro frutti, mentre al nord si sottopongono allo screening mammografico l’87% delle donne, al sud questa media scende al 40%. Un gap da colmare assolutamente”. Dello stesso avviso Angela Cortese, dirigente della Regione Campania, già consigliera provinciale e regionale attivamene impegnata per promuovere iniziative in rosa che ha annunciato per il mese di novembre una analoga campagna di prevenzione oncologica promossa dalla Regione Campania.

E proprio in termini di sensibilizzazione che è nata l’idea di uno stretto raccordo della LILT con la Consulta Laicale dell’Arcidiocesi napoletana per lanciare attraverso le parrocchie partenopee, grazie all’impegno della professoressa Condurro, specifiche iniziative di comunicazione e informazione sulle opportunità dei controlli clinici gratuiti presso gli ambulatori dell’ente di volontariato oncologico e l’idea di dedicare una serata di grido dell’Arenile di Bagnoli, fissata poi per sabato 28 ottobre prossimo, per lanciare un messaggio a sostegno della cultura della prevenzione agli oltre 1500 giovani che frequentano abitualmente la prestigiosa dance location dalla quale, in tarda serata, saranno liberati in volo oltre 500 palloncini bianchi ma illuminati… in rosa. “Un messaggio importante, questo della LILT di Napoli, – ha sottolineato la Dj Irene Ferrara –  che molto volentieri abbiamo voluto destinare ai nostri ragazzi che spesso trascurano un aspetto importante della loro vita: il prendersi davvero cura di se stessi. Penso sia giusto e doveroso che anche l’industria del tempo libero, della musica e del sano divertimento debba fare la propria parte”.

Pregnante di significato l’intervento di Veronica Maya che ha voluto presenziare l’iniziativa, “come personaggio del mondo dello spettacolo, ma soprattutto come donna e come madre”.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •